Alejandro Aravena, vincitore del Premio Pritzker 2016 - Credits: Cristobal Palma
UC Innovation Center Anacleto Angelini, Università Cattolica del Cile, 2014 - Credits: Nina Vidic
UC Innovation Center Anacleto Angelini, Università Cattolica del Cile, 2014 - Credits: James Florio
La Facoltà di Architettura presso l'Università Cattolica del Cile, 2004 - Credits: Martín Bravo
La Facoltà di Matematica presso l'Università Cattolica del Cile, 1999 - Credits: Tadeuz Jalocha
La Facoltà di Matematica presso l'Università Cattolica del Cile, 1999 - Credits: Tadeuz Jalocha
La Facoltà di Medicina presso l'Università Cattolica del Cile, 2004 - Credits: Roland Halbe
La Facoltà di Medicina presso l'Università Cattolica del Cile, 2004 - Credits: Roland Halbe
Le Torri Siamesi presso presso l'Università Cattolica del Cile, 2005 - Credits: Cristobal Palma
News

Premio Pritzker 2016: vince Alejandro Aravena

Ad aggiudicarsi l’edizione 2016 del Premio Pritzker, il più importante riconoscimento mondiale nell’ambito dell’architettura, è il cileno Alejandro Aravena. La notizia è stata annunciata da Tom Pritzker, Presidente della Fondazione Hyatt, che ha spiegato come il lavoro dell’architetto sia in grado di «offrire opportunità economiche per i meno privilegiati, mitigar gli effetti delle catastrofi naturali, ridurre il consumo energetico e dare vita a spazi pubblici accoglienti». Poi ha proseguito: «Innovativo e stimolante, Aravena mostra come l’architettura, al suo meglio, sia in grado di migliorare la vita delle persone».

Alejandro Aravena, 48 anni, laureato in architettura presso l'Università Cattolica del Cile, è meglio conosciuto per il suo approccio socialmente consapevole all’architettura. Tra i suoi lavori più importanti figurano diversi edifici per l'Università Cattolica del Cile: la Facoltà di Matematica, la Facoltà di Medicina, la Facoltà di Architettura, le Torri Siamesi e il più recente Angelini Innovation Center, completato nel 2014. Di spicco anche i suoi interventi che prevedono l'autocostruzione di alloggi espandibili e la realizzazione di residenze a basso costo, che vedono il coinvolgimento diretto degli abitanti.

L’architetto cileno è il quarto sudamericano ad aggiudicarsi il prestigioso premio che ha consacrato architetti del calibro di Renzo Piano, Aldo Rossi, Zaha Hadid, Norman Foster e Rem Koolhaas. La cerimonia di premiazione è in programma il prossimo 4 aprile presso il palazzo delle Nazioni Unite di New York. Subito dopo, per l'esattezza dal 28 maggio al 27 novembre, Aravena sarà in Italia in veste di direttore della Biennale di Venezia.

News
A Bruxelles un nuovo museo dedicato al design
Storytelling
Fenix Ntm, un innovativo materiale per l’interior design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto