Waterfall (2016). L'opera di Eliasson riporta in vita una delle visioni originali (mai realizzate) dell'architetto paesaggista André Le Nôtre. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Waterfall (2016), Versailles. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Deep mirror (yellow), installazione luminosa di Olafur Eliasson a Versailles, 2016. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
L'installazione Deep mirror (yellow), nel Salon de l’Oeil de Boeuf di Versailles. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Fog assembly, 2016, installazione nel Bosquet de l’Étoile di Versailles. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Fog assembly, 2016. «Nei giardini uso nebbia e acqua per amplificare i sensi di cambiamento e trasformazione», dichiara Olafur Eliasson. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Solar compression, 2016, nella Salle des Gardes du Roi di Versailles. Una lama di luce esce da due lenti specchianti. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
The curious museum (2010), gioco di specchi e riflessioni di Olafur Eliasson nel Salon d’Hercule di Versailles, 2016. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Glacial rock flour garden, 2016, un rivestimento in pietra effetto ghiaccio nel Bosquet de la Colonnade di Versailles. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Glacial rock flour garden, 2016. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York. - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Your sense of unity, 2016, sequenze di cerchi luminosi si moltiplicano all'infinito nella Sala degli Specchi di Versailles. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Waterfall (2016) la cascata artificiale installata nel Gran Canal nei giardini di Versailles. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
The gaze of Versailles, 2016, installazione di Olafur Eliasson nella Galerie basse Rez-de-jardin. a due globi oculari d'oro. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Con l'installazione The gaze of Versailles, lo spettatore osserva il paesaggio, osservato a sua volta da due globi oculari d'oro. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
Ritratto dell'artista danese Olafur Eliasson davanti all'installazione Waterfall alla Reggia di Versailles, 2016. Courtesy of the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York - Credits: Anders Sune Berg © Olafur Eliasson
News

Le installazioni di Olafur Eliasson alla Reggia di Versailles

Un’altra estate nel segno dell’arte alla Reggia di Versailles

Questa volta, a conquistare la corte del Re Sole è Olafur Eliasson, con spettacolari giochi d’acqua e di luce. Scelto dalla Reggia come guest artist per il 2016, l’artista danese sfida la concezione logica delle cose con installazioni fatte di visioni caleidoscopiche e strutture geometriche.

Con la sua arte ha portato frammenti di cascate, ghiacciai e terre vulcaniche - reminiscenze di un’infanzia vissuta nell’incontaminata e ancestrale Islanda – in musei e spazi urbani di tutto il mondo.

Alla Reggia di Versailles, Olafur Eliasson altera ancora una volta la percezione degli spazi, confonde e affascina. Lo sguardo è protagonista. Specchi e riflessi ampliano le sale, le trasformano, ne svelano anche i più piccoli segreti. I visitori scoprono i loro riflessi in luoghi inaspettati.

L'arte di Olafur Eliasson alla Reggia di Versailles, tra presente e passato

Cinque le opere all’interno del castello: The curious museum, Your sense of unityDeep mirror, Solar Compression e The gaze of Versailles. Tre quelle realizzate nei giardini della Reggia: il velo di nebbia finissima Fog assembly avvolge il Bosquet de l’Étoile, mentre sedimenti glaciali rocciosi invadono il centro del Bosquet de la Colonnade con l’installazione Glacial rock flour garden.

È al centro del Grand Canal, la maestosa cascata artificiale Waterfall che riporta in vita una delle visioni originali (mai realizzate) dell’architetto paesaggista André Le Nôtre: una cascata lungo l’asse centrale del canale.

La Reggia di Versailles, che dal 2008 coinvolge artisti internazionali (Jeff Koons, Takashi Murakami e Anish Kapoor, per citarne alcuni) ospiterà il lavoro di Olafur Eliasson fino al 30 ottobre 2016.

Products
Thonet completa la serie 860 con nuovi arredi
Products
Yacht di lusso, tra design e innovazione
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Sulla torre di Gio Ponti

Sulla torre di Gio Ponti

Sobrio, elegante. Innovativo, ma in armonia con il contesto. A Milano, il primo grattacielo italiano ha un’anima swing e segna l’ultima collaborazione tra Lancia e Ponti
I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

Casa dei Carraresi ospita un grande percorso espositivo dedicato a un tema tanto caro al fotografo americano, quello degli amici a quattro zampe
Un tour di architettura in compagnia di Kengo Kuma


Un tour di architettura in compagnia di Kengo Kuma


A Tokyo, l’architetto giapponese condivide l'ispirazione 
per la realizzazione del Tokyo 2020 Stadium. Un’esperienza targata Airbnb
Il lessico kantiano secondo l

Il lessico kantiano secondo l'information design: Valerio Pellegrini

Da Wild Mazzini, la prima galleria dedicata interamente all'information design, va in scena un progetto che unisce la filosofia alla rappresentazione visiva dei dati
The Venice Glass Week 2018

The Venice Glass Week 2018

Torna il festival internazionale dedicato all’arte vetraria, con 180 appuntamenti tra mostre, visite guidate, conferenze e workshop