Bozzetto per sala-tenda di Romolo Paganelli per Renzo Mongiardino - Credits: Ph. Massimo Listri
Casa Heinz, Londra - Credits: Ph. Massimo Listri
Ingresso del castello di Wideville, Parigi - Credits: Ph. Massimo Listri
Prove di montaggio a Milano per la sala di lettura a finte tarsie per la casa di Peter Sharp a New York - Credits: Ph. Massimo Listri
Salone di casa Versace, Milano - Credits: Ph. Massimo Listri
News

Omaggio a Renzo Mongiardino

Sono passati cento anni dalla nascita di Renzo Mongiardino, architetto d’interni tra i più importanti del secondo Novecento.

Per l’occasione, la città di Milano ospita dal 28 settembre all’11 dicembre, presso la Sala del Tesoro del Castello Sforzesco, la mostra intitolata Omaggio a Renzo Mongiardino.

Curata da Tommaso Tovaglieri, con la consulenza di Francesca Simone, nipote dell’architetto, raccoglie oltre 300 opere e ripercorre il consistente percorso artistico di Renzo Mongiardino, genovese di nascita e milanese d’adozione.

L’esposizione è articolata in sette sezioni e segue una struttura cronologica: a partire dagli studi condivisi con Gio Ponti presso il Politecnico di Milano fino al successo raggiunto negli anni Sessanta, con committenti come Thyssen, Onassis, Agnelli e Rothschild.

Spazio anche al cinema e al teatro, tra le scenografie per Tosca al Covent Garden, con Maria Callas, e per La bisbetica domata, con Richard Burton e Liz Taylor, entrambe dirette da Franco Zeffirelli.

In mostra ci sono disegni, bozzetti, maquettes e fotografie fino ad oggi mai mostrati al pubblico, con  l’allestimento a cura di Studio Michele De Lucchi e il contributo grafico di Francesco Dondina.