Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
Oui, installazione per esterno in acciaio zincato di Ronan ed Erwan Bouroullec per la Kunsthal di Aarhus in Danimarca - Credits: Studio Bouroullec
News

Dentro i cerchi della convivialità

Milano Design Film Festival

Oui è un piccolo intervento alla Kunsthal di Aarhus in Danimarca, firmato Ronan ed Erwan Bouroullec. Sono tre sedute collettive per esterno, composte da anelli in acciaio zincato che sembrano galleggiare sopra il terreno. Uno è posto attorno a un tronco e si completa con le fronte dell’albero. Un altro è una sorta di falò contemporaneo con un camino nel suo centro. L’ultimo è un anello circoscritto da una luce. «Come un faro, le tre installazioni guidano le persone verso luoghi luminosi, caldi e accoglienti in città», spiegano i Bouroullec. «Le tre opere concretizzano il dialogo e il rapporto tra natura e persone, invitate a riposare e ad apprezzare all’ombra degli alberi le stagioni che passano». Ciascuna piattaforma è un luogo metaforico in cui riunirsi e raccoglie un simbolo ancestrale: il fuoco, la natura e la luce.

L’intervento si distingue per semplicità e sintesi di concetto, come nella più genuina cifra stilistica del duo francese. E nasce da una ricerca dei designer, trasversale ed estesa nel tempo, sulle geometrie funzionali applicabili in situazioni urbane differenti. Ricerca che è stata esposta nella mostra a cura degli stessi Bouroullec “Rêveries urbaines” a Les Champs Libres, Rennes (2016).

Da prototipi e maquette, i tre anelli hanno preso forma grazie alla volontà dell’architetto Kristine Jensen, aprendo una nuova prospettiva verso il parco dell’edificio. L’immediatezza dell’installazione è stata catturata da un piccolo video amatoriale, girato dagli stessi Bouroullec che racconta, in pochi secondi e senza interpretazioni personali, il piacere di un momento di pausa, al riparo delle foglie dell’albero, cullati dal rumore del vento.

Products
Cinque idee per arredare il balcone
Products
Una poltrona per due
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Elettrodomestici di design: un po

Elettrodomestici di design: un po' di novità

Da scoprire nel servizio fotografico di Thomas Albdorf, con il set design di Cameranesi & Pompili e la moda di Fabiana Fierotti
Tre documentari di architettura da vedere

Tre documentari di architettura da vedere

Protagonisti Frank Lloyd Wright, Mies Van Der Rohe, Gio Ponti. Su Rai 5, a partire dal 18 gennaio, e alla Triennale di Milano, lunedì 21 gennaio
Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Un autobus per i 100 anni del Bauhaus

Richiama le architetture dello storico istituto di Dessau realizzato nel 1919. L’obiettivo? Indagare il ruolo del design all'interno delle realtà sociali e politiche
Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Caffè Fernanda, la nuova caffetteria della Pinacoteca di Brera

Un omaggio a Fernanda Wittgens, prima donna a dirigere un museo statale in Italia. Con il progetto di interior curato da rgastudio
The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


The Student Hotel a Firenze: come cambia il mondo dell’ospitalità


Un modello ibrido concepito per accogliere studenti, lavoratori, viaggiatori e residenti. Nato sulle ceneri di un palazzo storico in via Lavagnini