Credits: Kartell rende omaggio a Ettore Sottsass con una collezione di progetti inediti (vasi, sgabelli e una lampada) firmati dal grande Maestro del Design espressamente per l’azienda, alcuni dei quali saranno poi messi in produzione. (Pad. 20)
Credits: È firmato da Ron Arad il divano Gilder dalla linea morbida. Di Moroso (Pad. 16)
Vitra (Pad. 20) lancia la famiglia Bellville, firmata dallo Studio Ronan & Erwan Bouroullec, composta da Belleville Chair, dalla Belleville Armchair e dai Belleville Tables. (credits: Studio Bouroullec)
Credits: Non solo mobili, ma vere e proprie sculture: da sempre Edra (Pad. 20) ci ha stupito con i suoi nuovi arredi. Cosa avrà in serbo quest'anno? (nella foto, Alice, design Jacopo Foggini, 2011)
Credits: Panca della collezione Brick, design Paola Navone per Gervasoni (Pad. 5)
Credits: Un'esplosione di colori per la collezione di Adrenalina (Pad. 16) Italo Pertichini firma la collezione TiGram ispirata a un gioco antico, il Tangram.
Credits: Arriva dall’India l’ispirazione per Majal, designer Carlo Colombo per Flou (Pad. 7)
Credits: Al Pad. 20 incontrerete anche Campeggi con i suoi mobili trasformisti, come la poltrona nicchia Tuttomio, design Emanuele Magini
Credits: Ci stupiranno, come sempre, anche le novità di Driade (Pad. 16). Dopo l’acquisizione da parte della holding ItalianCreationGroup e la nomina di sir David Chipperfield come art director (nell'immagine il nuovo showroom inaugurato a MIlano)
Credits: Lo scorso anno c'è stato il debutto di Tog – All Creators Together (Pad. 12), ovvero tutti possono essere creativi. Quest’anno ritorna con tanti prodotti firmati da designer del calibro di Philippe Starck (nella foto), Sebastian Bergne, Jonathan Bui Quang Da, Sam Hecht+Kim Colin, Ambroise Maggiar, Nicola Rapetti, Dai Sugasawa e Antonio Citterio.
News

Salone del Mobile 2015: le 10 cose imperdibili

Ilaria Molinari

La grande kermesse del Salone del Mobile 2015 sarà in scena dal 14 al 19 aprile: per gli amanti del design, i padiglioni da non perdere sono indubbiamente il 20 e il 16. Al loro interno si potranno vedere gli allestimenti più spettacolari con i nuovi prodotti firmati dai designer di punta: non solo arredi, ma delle vere e proprie sculture domestiche.

Meritano sicuramente attenzione anche i Padiglioni 5 e 7 con le grandi firme del settore casa tra cui Poliform, Gervasoni e Flou.

Nel Padiglione 12, invece, si trovano idee fresche e creative per i complementi d'arredo e aziende come Tog-All Creators Together, che riunisce le firme del design del calibro di Starck. 

Vale la pena anche fare un giro al Salone Satellite che è dedicato al tema "Pianeta vita”: una selezione di idee e proposte dei designer più giovani. Tema che si aggangia a quello dell'Expo: "Nutrire il pianeta, energia per la vita”.

Tornano poi quest’anno le biennali Euroluce e Workplace3.0/Salone Ufficio, la prima dedicata alle novità in fatto di apparecchi per l’illuminazione mentre la seconda riunirà le proposte del mondo dell’arredamento per ufficio e ambienti lavorativi in generale.



News
Gio Ponti e la Richard Ginori, corrispondenza inedita al Triennale Design Museum
News
Euroluce 2015: le 12 cose da vedere
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi