Credits: L' Auroria, il letto continentale reversibile con cuciture laterali di Hastens (courtesy press office)
Credits: La fabbrica Hastens a Koping, Svezia (courtesy press office)
Credits: Thomas Sandell (courtesy press office)
Credits: La testiera creata da Thomas Sandell per Hastens (courtesy press office)
News

Salone del mobile 2015: Hästens e Thomas Sandell

giulianamatarrese

Un viaggio lungo 160 anni nel mondo del marchio di letti svedese: è questo il progetto di Hästens per il salone del mobile. Nato nel 1852 da una piccola azienda a gestione familiare, il brand arriva a Milano con un padiglione diviso in tre aree, in ognuna delle quali sarà possibile sperimentare con mano la passione per i materiali naturali e per l'artigianalità che lo distingue da sempre. 

La prima area, immaginata come una vera e propria foresta svedese, permetterà ai visitatori di provare i letti famosi per il loro confort, mentre nel secondo padiglione verrà ricreata la bottega, su modello dell'azienda della sede principale di Köping, dove i mastri artigiani introdurranno agli avventori la dedizione e la cura del dettaglio connaturate al marchio. La terza VIP room è invece visitabile dagli interessati alle opportunità di partnership e collaborazioni aziendali.

Un'occasione, quella del Salone, per presentare anche il nuovo modello di casa Hästens, l'Auroria, il letto continentale reversibile con molle, disponibile in quattro varianti di rigidità (morbido, medio, rigido ed extrarigido) con la possibilità di sceglierne una variante diversa per ogni lato del letto, a seconda delle necessità e delle abitudini del sonno. Un esemplare che, dal 2015, per la prima volta ha le impunture laterali sul materasso, per migliorarne ancora il confort. 

A completare il quadro, ci ha pensato l'architetto Thomas Sandell, che per Hästens ha creato una testiera ad hoc, fatta a mano e abbinata ai piedini in pino svedese, presentata al Salone in accoppiata all'Auroria, ma declinabile su tutti i letti del brand, che reinterpreta il check iconico del marchio.

Quando Hästens mi ha chiesto di sviluppare un’idea che partisse dai loro materiali naturali e dalla loro artigianalità, è stato ovvio per me usare il loro famoso pattern a quadretti come base. La testiera e i piedini riportano un motivo zigrinato che riflette l’iconico check. Hästens si contraddistingue per la più alta qualità e per il design senza tempo – caratteristiche e valori che sono fondamentali anche per me nel mio lavoro, sia come architetto che come designer.


News
Il design giapponese incontra quello danese
News
Salone del mobile: il primo monomarca Kartell by Laufen
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Una giornata all’Ange Volant, progettata da Gio Ponti negli anni 20

Una giornata all’Ange Volant, progettata da Gio Ponti negli anni 20

È la dimora di Sophie Bouilhet-Dumas, tra i curatori della retrospettiva sull’architetto italiano in scena al Musée des Arts Décoratifs di Parigi fino al 10 febbraio
A Courmayeur, nel nuovo pop-up store di Bang & Olufsen

A Courmayeur, nel nuovo pop-up store di Bang & Olufsen

Aprirà in vista delle festività natalizie, in pieno centro storico, dal 7 dicembre al 28 febbraio 2019
Un inedito Bruno Munari in mostra a Napoli

Un inedito Bruno Munari in mostra a Napoli

Il Museo Plart porta, per la prima volta nel capoluogo partenopeo, un aspetto meno conosciuto dell’opera del grande designer italiano. Fino al prossimo 20 marzo
Quali sfide attendono le città del futuro?

Quali sfide attendono le città del futuro?

Prova a fare il punto il New York Times con il forum "Cities for Tomorrow" dove, venerdì 7 dicembre, interverrà anche l’architetto Stefano Boeri
Dicembre: le mostre di design e architettura

Dicembre: le mostre di design e architettura

Aspettando il Natale oppure approfittando del tempo libero durante le feste, ecco le mostre da non perdere questo mese. Piccoli (e grandi) appuntamenti per scoprire le nuove visioni del design