Credits: Una selezione delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
Credits: Una delle proposte della Pætchwork/collection disegnata da Piero Lissoni per l'azienda thailandese Cotto
News

Salone del mobile: Piero Lissoni per Cotto

Laura Barsottini

Pætchwork/Collection è il nome della nuova gamma di proposte arredobagno dell’azienda tailandese COTTO, svelate in occasione della Design Week presso lo SpazioAlatha di via Savona 37. L’inedita linea di rivestimenti sanitari, rubinetteria e complementi è firmata dall’architetto e designer milanese Piero Lissoni, che per l’occasione ha ideato un allestimento in uno spazio dall’animo industriale, ispirato dalla purezza dei giardini orientali. Il percorso è segnato da una parete specchiata che introduce i visitatori al cortile, dove è possibile toccare con mano i rivestimenti in ceramica e gres porcellanato, disponibili in versione lucida e opaca. Lo spazio interno, invece, è dedicato alle proposte di arredo per il bagno, declinate in nove set dal carattere minimalista. La collezione comprende quattro lavabi, in versione sospesa o console con gambe frontali in ceramica, di cui due modelli disponibili anche con doppio lavabo. Tra questi anche un’originale versione che abbina due lavabi di diverse dimensioni: grande e mini. Piero Lissoni propone volumi rettangolari caratterizzati da angoli morbidi e profili molto sottili. I sanitari sono definiti da forme ergonomiche e dalla presenza del sistema quick release: premendo i bottoni laterali, il sedile si sgancia e agevola le operazioni di pulizia. La collezione è completata da una gamma di rubinetti cromati, da appoggio, a muro e nelle varianti a terra per doccia e vasca freestanding, con canne squadrate e leva con sistema centrale che ne enfatizza l’essenzialità

News
Salone del mobile: Nilufar apre il suo magazzino a Milano
News
Icon Design: l'evento al Pac di Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto