Credits: Letterpress Calendar
Credits: Letterpress Calendar
Credits: International Calendar
Credits: Stendig Calendar
Credits: 5 TYPE 2015 Letterpress Desk Calendar
Credits: 5 TYPE 2015 Letterpress Desk Calendar
Credits: Typodarium
Credits: Typodarium
Credits: Vertical Calendar
Credits: Vertical Calendar
Credits: International Calendar
Credits: Stendig Calendar
Credits: Google Calendar
Credits: Google Calendar
News

Sette calendari di design per il 2015

Laura Barsottini

Senza rendercene conto il 2014 è trascorso in un batter d'occhio, ed è arrivato il momento di pensare a un nuovo calendario per il 2015, magari di design. C'è quello a scorrimento perpetuo, quello a strappo, da parete e da tavolo. A scelta a seconda del gusto, ma anche delle necessità: chi ama ordinare tutti gli eventi per averli sempre a portata di mano, opterà per una versione digitale. Nel mare delle proposte grafiche, ecco sei calendari moderni, più uno per gli amanti della tecnologia, per l'anno che verrà.

Letterpress Calendar – Arriva dalla Danimarca ed è realizzato da Kristina Krough, designer e artista di base a Copenaghen. Disponibile nelle varianti grigio, nero e oro su carta non patinata, è il calendario perfetto per presentare l'intero anno in una sola pagina da 50x70 cm. 



Stendig Calendar Progettato nel 1966 dal grafico Massimo Vignelli, è entrato nello stesso anno nella collezione del Museum of Modern Art di New York. Con i suoi caratteri neri impressi su carta bianca è il calendario perfetto per la casa e per l'ufficio.

Typodarium  Rompere la monotonia: è questo l'obiettivo di Typodarium. Si tratta di un calendario a strappo che ogni giorno rivela un font diverso e ne racconta la storia.

Vertical Calendar  Un grande calendario da parete modulare, è possibile disporre i mesi individualmente o in gruppo. È accompagnato da uno speciale sistema a calamita che evita inutili fori nel muro.



TYPE 2015 Letterpress Desk Calendar – Si chiama Type ed è un calendario da scrivania interamente realizzato a mano tramite stampa a rilievo su carta di cotone. Ogni mese poggia ordinatamente su una piattaforma eco-friendly in bambù.



International Calendar – L'utilità di questo calendario è rintracciabile nella particolare struttura verticale a due colonne, utile per tenere d'occhio due mesi contemporaneamente. In 5 lingue: italiano, inglese, francese, tedesco e giapponese.

Google Calendar Per tablet e Android, il nuovo calendario di Google realizzato dalla graphic designer finlandese Lotta Nieminen offre la possibilità di pianificare con largo anticipo tutti gli appuntamenti grazie alla vista mensile e settimanale.

News
I benefici di 10 docce come cascate
Products
Ombrelli per il viaggiatore moderno
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto