Credits: Letterpress Calendar
Credits: Letterpress Calendar
Credits: International Calendar
Credits: Stendig Calendar
Credits: 5 TYPE 2015 Letterpress Desk Calendar
Credits: 5 TYPE 2015 Letterpress Desk Calendar
Credits: Typodarium
Credits: Typodarium
Credits: Vertical Calendar
Credits: Vertical Calendar
Credits: International Calendar
Credits: Stendig Calendar
Credits: Google Calendar
Credits: Google Calendar
News

Sette calendari di design per il 2015

Laura Barsottini

Senza rendercene conto il 2014 è trascorso in un batter d'occhio, ed è arrivato il momento di pensare a un nuovo calendario per il 2015, magari di design. C'è quello a scorrimento perpetuo, quello a strappo, da parete e da tavolo. A scelta a seconda del gusto, ma anche delle necessità: chi ama ordinare tutti gli eventi per averli sempre a portata di mano, opterà per una versione digitale. Nel mare delle proposte grafiche, ecco sei calendari moderni, più uno per gli amanti della tecnologia, per l'anno che verrà.

Letterpress Calendar – Arriva dalla Danimarca ed è realizzato da Kristina Krough, designer e artista di base a Copenaghen. Disponibile nelle varianti grigio, nero e oro su carta non patinata, è il calendario perfetto per presentare l'intero anno in una sola pagina da 50x70 cm. 



Stendig Calendar Progettato nel 1966 dal grafico Massimo Vignelli, è entrato nello stesso anno nella collezione del Museum of Modern Art di New York. Con i suoi caratteri neri impressi su carta bianca è il calendario perfetto per la casa e per l'ufficio.

Typodarium  Rompere la monotonia: è questo l'obiettivo di Typodarium. Si tratta di un calendario a strappo che ogni giorno rivela un font diverso e ne racconta la storia.

Vertical Calendar  Un grande calendario da parete modulare, è possibile disporre i mesi individualmente o in gruppo. È accompagnato da uno speciale sistema a calamita che evita inutili fori nel muro.



TYPE 2015 Letterpress Desk Calendar – Si chiama Type ed è un calendario da scrivania interamente realizzato a mano tramite stampa a rilievo su carta di cotone. Ogni mese poggia ordinatamente su una piattaforma eco-friendly in bambù.



International Calendar – L'utilità di questo calendario è rintracciabile nella particolare struttura verticale a due colonne, utile per tenere d'occhio due mesi contemporaneamente. In 5 lingue: italiano, inglese, francese, tedesco e giapponese.

Google Calendar Per tablet e Android, il nuovo calendario di Google realizzato dalla graphic designer finlandese Lotta Nieminen offre la possibilità di pianificare con largo anticipo tutti gli appuntamenti grazie alla vista mensile e settimanale.

News
I benefici di 10 docce come cascate
Products
Ombrelli per il viaggiatore moderno
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto