News

Sketchmob a Expo 2015: le opere

Laura Barsottini

Il sesto appuntamento di Sketchmob Italia ha visto la partecipazione di oltre cento partecipanti, tra architetti, illustratori, designer e semplici appassionati di disegno a mano libera. La location è stata Expo 2015, e ognuno di loro, con la propria visione, il proprio gusto e il proprio talento, ha ritratto un angolo dell'esposizione universale. A promuovere l'iniziativa, nata a Londra da un'idea di Trevor Flynn e sostenuta in Italia dalla Fondazione dell'Ordine degli Architetti di Milano, Moleskine che fino all'8 luglio, ha allestito una mostra presso il suo Moleskine Store di via Dante 15 a Milano.

Places
You make the park: un progetto di Fabrica legato a Expo 2015
News
Il Milano Design Film Festival approda a Roma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto