I vincitori della Targa Bonetto 2016
Loop, il progetto vincitore della Targa Bonetto 2016. Un sistema di navigazione per interni progettato da di Giulio Fuzzi, Federico Marchetta, Daniele Gamba e Giuseppe Marchetti, studenti del Politecnico di Milano facoltà Disegno Industriale
Secondo classificato è il progetto ForYou, un'installazione per sale d’attesa, a cura di Giulia Geremia, Politecnico di Milano Facoltà Disegno Industriale
Terzo classificato, Virtual Drone, un drone subacqueo progettato da Ludovica Schiavone, Sebastian Vocale e Sibilla Vannucci, ISIA di Pescara
News

Targa Bonetto 2016: i vincitori

Giunto alla 21esima edizione, Targa Bonetto è un premio rivolto agli studenti delle Università e delle scuole di design di tutto il mondo, istituito nel 1991 dall’architetto Marco Bonetto.

Un riconoscimento per ricordare Rodolfo Bonetto, maestro del design italiano, che prende in esame la “realizzazione di un concept innovativo di design che esprima la soddisfazione personale dell’autore, sorprenda gli utenti per la sua particolare destinazione d’uso, senza alcun limite nei confronti del linguaggio progettuale”.

Quest’anno il primo classificato si è aggiudicato una minicar elettrica Renault Twizy personalizzata da Carrozzeria Castagna; secondo premio, una macchina da caffè capsule Mitaca con fornitura 12 mesi caffè, terzo premio, un forno microonde Candy. I premi consegnati durante la cerimonia di premiazione avvenuta lo scorso 8 giugno a Milano.

Targa Bonetto 2016: i vincitori

1° Classificato

Progetto Loop, sistema di navigazione in interni, Giulio Fuzzi, Federico Marchetta, Daniele Gamba e Giuseppe Marchetti; Università Politecnico di Milano Facoltà Disegno Industriale. Un prodotto di alto valore sociale ben espresso nella sua configurazione e nello sviluppo delle sue funzioni, che nasce dall’idea di rompere la barriera esperienziale che limita la vita quotidiana delle persone non vedenti. Sembra un orologio, ma è molto di più: un vero e proprio GPS che permette all’utente di orientarsi negli ambienti chiusi, utilizzando una tecnologia smart che dialoga con altri dispositivi e offre svariate funzioni.

2° Classificato

Progetto ForYou, installazione per sale d’attesa, Giulia Geremia; Università Politecnico di Milano Facoltà Disegno Industriale. Uno strumento per “diluire” lo stress e la noia, soprattutto dei bambini, nelle sale d’attesa, un prodotto di interesse sociale pensato per le strutture sanitarie ma adatto a diversi ambienti: il concept è composto da vari recipienti giustapposti che contengono acqua colorata il cui riempimento si attua azionando valvole esterne a portata di bambino.

3° Classificato

Progetto Virtual Drone, drone subacqueo, Ludovica Schiavone, Sebastian Vocale e Sibilla Vannucci; ISIA Pescara. Un drone per controllare e perlustrare sotto la superficie del mare, collegato via wireless a una base ricaricante galleggiante composta da un generatore alimentato da un pannello solare. Un prodotto dall’apprezzabile design che si integra nel contesto marino grazie alla sua forma organica.

Products
Fabrica presenta la serie di vasi in vetro Table of Contents
News
Concreto Creativo: quando le idee diventano prodotto di successo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento