La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta.
La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta.
La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta.
La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta.
La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta.
La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta.
News

I 240 anni del Teatro alla Scala

C’è tempo fino al 30 aprile 2019 per conoscere la storia di uno dei simboli culturali della città di Milano, il prestigioso Teatro alla Scala inaugurato il 3 agosto 1778. La mostra, sostenuta da Intesa Sanpaolo e progettata da Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto all’interno del Museo Teatrale alla Scala, offre l’occasione di ripercorrere l’evoluzione del Teatro dal XVIII a oggi.

«Anche questa volta, come nei molti progetti fatti insieme, siamo partiti dalla ricchezza dei contenuti per identificare un carattere espositivo chiaro e condiviso, da declinare poi in scenari narrativi e di esperienza memorabili», spiega Ico Migliore.

Curata da Fulvio Irace e Pierluigi Panza, l’esposizione, dal titolo La Magnifica Fabbrica. 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta, si compone di microstorie che animano le sei sale del Museo e l’interno del Ridotto dei Palchi. Trenta leggii, per altrettante immagini storiche e attuali della Scala, si animano a canone, con un focus di volta in volta differente, in dialogo con la grande proiezione sovrastante. Un momento di forte sintesi sull’evoluzione storica del Teatro e della piazza che riunisce in un racconto coinvolgente i diversi elementi presenti in mostra ed impone un nuovo cambio di visita e prospettiva.

Gli spazi del Ridotto dei Palchi ospitano infine l’ultimo capitolo della storia: una maquette in legno dello svizzero Ivan Kunz che riproduce una sezione dell’edificio in scala 1:75 e che consente di esplorarne da diversi punti di vista le trasformazioni a partire dal progetto di Giuseppe Piermarini, fino alla storia progettuale più recente ad opera di Mario Botta. Si tratta dell’intervento del 2004 che ha ridisegnato la funzione dell’edificio e il prossimo ampliamento previsto nel 2022 che arricchirà di una nuova torre il profilo del Teatro.