Un frame tratto dal documentario 'Gray matters' di Marco Orsini
Un frame tratto dal documentario 'The price of desire' di Mary McGuckian
Un frame tratto dal documentario 'Andermatt: Global Village' di Leonidas Bieri
Un frame tratto dal documentario 'Double Happiness' di Ella Raidel
Un frame tratto dal documentario 'Estate, a Reverie' di Andrea Luka Zimmerman
Un frame tratto dal documentario 'Le Saphir de St. Louis' di José Luis Guerin
Il poster della terza edizione di Milano Design Film Festival
News

La terza edizione di Milano Design Film Festival

Alessandro Mitola

La terza edizione di Milano Design Film Festival sbarca nella capitale meneghina con un calendario sempre più ricco di eventi per gli appassionati del mondo del design e dell’architettura.

Dal 15 al 18 ottobre va in scena all’Anteo spazio Cinema un focus sull’attualità, la sperimentazione e le trasformazioni epocali delle città e del territorio. Si passerà dagli sviluppi urbanistici in Cina alle nuove colonizzazioni edilizie, dalla sostenibilità agli sconfinamenti della progettualità. Il tutto attraverso una selezione di 70 documentari. Non mancheranno poi gli omaggi ai maestri del settore Gio Ponti, Le Corbusier, Carlo Mollino, Alvar Aalto e molti altri.

I quattro giorni del festival si aprono con The price of desire di Mary McGuckian, un documentario dedicato all’architetto e designer irlandese Eileen Gray. La pellicola mette l’accento sull’iter progettuale della villa modernista E1027 a Cap Martin Roquebrune in Costa Azzurra e allo stesso tempo svela i retroscena dei rapporti di Gray con Jean Badovici, Le Corbusier e Charlotte Perriand, senza tralasciare gli aspetti più privati (e meno noti) della sua vita. Un ulteriore approfondimento sulla figura di Eileen Gray, ci viene fornito con Gray matters di Marco Orsini, un documentario che compie un excursus sulla vita professionale dell’architetto.

Andermatt: Global Village di Leonidas Bieri, Double Happiness di Ella Raidel ed Estate, a Reverie di Andrea Luka Zimmerman offrono uno spaccato di tre mondi a confronto: Svizzera, Cina e Regno U nito, raccontadone sogni, illusioni e cancellazioni della memoria dei singoli e della collettività. Infine, degno di nota Le Saphir de St. Louis, un racconto epico caratterizzato da un magistrale uso della macchina da presa tra realtà e immaginario, a cura del regista spagnolo José Luis Guerin.

News
Icon Design: in edicola il secondo numero speciale
Products
I cinque letti di tendenza per l'autunno
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”