ThinkEnery - Berlino
ThinkEnery - Berlino
ThinkEnery - Londra
ThinkEnery - Londra
ThinkEnery - Londra
ThinkEnery - Parigi
ThinkEnery - Parigi
ThinkEnery - Parigi
ThinkEnery - Parigi
ThinkEnery - Berlino
News

ThinkEnergy: l’energia delle città catturata in video

Milano Design Film Festival

Che tipo di energia emanano Berlino, Londra, Parigi, Roma e Sofia? Difficile a esprimersi. Ma la sensazione che i contesti urbani comunichino una forza specifica che li caratterizza è sicuramente percezione comune. Provano a catturare l’energia delle città Maria Veltcheva, architetta ricercatrice presso l’University of Westminster di Londra, specializzata sullo spazio pubblico contemporaneo, e Gerardo Marmo, architetto ed esperto di visual art e cross-media.

Il duo sviluppa a partire dal 2010 il progetto ongoing “ThinkEnergy/Urban Projects” che comprende una serie di cortometraggi, installazioni site specific, un website immersivo e una pubblicazione cartacea. “ThinkEnergy” è un’opera audio-visiva che esplora città contemporanee come Berlino, Londra, Parigi, Roma e Sofia dal punto di vista delle emozioni, effetti ed energia che l’ambiente trasmette alle persone e viceversa. Questo scambio reciproco è rappresentato in una serie di cortometraggi asistematici e “parametrici”, che nascono dall’osservazione fatta camminando nelle città con la macchina da presa e registrando immagini e suoni. Così, dalle riprese dell’Eur a Roma è emerso un video è caratterizzato dall’energia della luce; a Sofia, un film ritmato dalle voci “urbane”; a Parigi, un’atmosfera proveniente da tre nature differenti di energia – potenziale, mistica e liberata; a Berlino (progetto ancora in corso), un’energia proveniente da sorgenti puntuali, ovvero luoghi caratteristici, e con diverse intensità: alta, bassa, media; a Londra, una forza che scaturisce dalla percezione soggettiva della gente.

Qual è il metodo di lavoro per rappresentare contesti così differenti? «Iniziamo a riflettere sul tipo di energia della città che vogliamo prendere in considerazione», spiegano Marmo e Veltcheva. «Poi, muovendoci con la macchina da presa, cerchiamo dettagli di edifici, parti dell’architettura, frammenti di realtà urbana che rispecchiano quest’idea iniziale. Come il regista Dziga Vertov, ci limitiamo a filmare e registrare i suoni della realtà urbana». La fase di montaggio e di editing finale è cruciale nell’opera. «Le clip video, con inquadratura fissa, e quelle sonore della durata dai 15" ai 30" vengono visionate, analizzate e metabolizzate. Il montaggio, ovvero la giustapposizione delle clip, è parte del processo creativo, così come la scelta di usare una linea nera per richiamare la visione binoculare, o anche l’idea del paesaggio in movimento ‘simulato’ con il panning virtuale (panoramica) dell’inquadratura. Il soundscape è ottenuto elaborando i suoni reali con strumenti di sintesi granulare del suono quali microcampioni audio nell’ordine dei decimi di secondo».

Il progetto “ThinkEnergy” è ongoing. «Nasce come un progetto parametrico già ‘espanso’ [replicabile]. Le prossime città sono San Pietroburgo e Marrakech, ma vorremo catturare anche l’energia vitale di città in pieno sviluppo quali Abu Dabi, e le caotiche stratificazioni urbane di Mumbai o di Città del Messico», concludono i registi.

News
Maison&Objet 2017: date e novità
Storytelling
In conversazione con Edward Barber e Jay Osgerby
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata
Thierry Lemaire: "Nessuno mi chiede di essere minimal"

Thierry Lemaire: "Nessuno mi chiede di essere minimal"

A Parigi, a casa del designer e interior decorator che arreda gli interni dell’alta società internazionale. Disegnando anche pezzi speciali e collezioni ad hoc
Un soggiorno sabbatico per rivitalizzare Grottole, a due passi da Matera

Un soggiorno sabbatico per rivitalizzare Grottole, a due passi da Matera

Un'idea di Airbnb per promuovere il borgo lucano dimenticato, in occasione di Matera Capitale della Cultura 2019
La nuova boutique Aesop a Bath, in Inghilterra


La nuova boutique Aesop a Bath, in Inghilterra


A firmarlo è lo studio creativo londinese JamesPlumb e, tra le altre cose, al piano superiore include una biblioteca