Tobias Rehberger, High perch, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Birdcages, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Binoculars, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Waterspout, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Street lamp, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Beehive, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Bird houses, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
News

L’itinerario d’arte di Tobias Rehberger

Far scoprire le bellezze paesaggistiche e culturali di una regione, quella al confine tra le Germania sud-occidentale e la Svizzera, attraverso un itinerario che unisce arte, design e architettura. È l'idea alla base di 24 stops, opera site specific a tappe concepita dall'artista tedesco Tobias Rehberger.

La Rehberger-Weg, la strada di Rehberger, come è stata subito soprannominata, si snoda per 5 km tra le colline e i vigneti che circondano le cittadine di Riehen, in Svizzera, e Weil am Rhein, in Germania.

Punto di partenza è la Foundation Beyeler di Riehen, progettata da Renzo Piano, che raccoglie circa 300 opere tra arte contemporanea e moderna, post impressionismo e arte etnografica. Punto di arrivo è invece il Vitra Campus di Weil am Rhein, in cui si trovano alcune architetture realizzate dai più grandi progettisti del nostro tempo, come Herzog & De Meuron, Nicolas Grimshaw, Zaha Hadid e Frank O. Gehry.

Tra le due istituzioni culturali, solo boschi, paesini e vigneti, interrotti dalle 24 opere di Tobias Rehberger, che spuntano colorate tra gli alberi e l'erba invitando i passanti a immergersi nel paesaggio circostante. Una caccia al tesoro che vuole rappresentare un trait d'union tra arte, natura e storia.

Il progetto, sponsorizzato da Swatch, offre tour gratuiti con esperti d'arte e architettura, previa registrazione sul sito dell'iniziativa. Il prossimo tour si terrà il 2 ottobre, mentre l'8 ottobre sarà invece possibile percorrere l'itinerario con l'artista Tobias Rehberger.

Places
A Tokyo il ristorante di carta firmato Shigeru Ban
Places
A Montreal la sede di una banca diventa spazio di coworking
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto