Tobias Rehberger, High perch, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Birdcages, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Binoculars, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Waterspout, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Street lamp, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Beehive, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, Bird houses, from: 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
Tobias Rehberger, 24 Stops, 2016 - Credits: Tobias Rehberger - Photo: Mark Niedermann
News

L’itinerario d’arte di Tobias Rehberger

Far scoprire le bellezze paesaggistiche e culturali di una regione, quella al confine tra le Germania sud-occidentale e la Svizzera, attraverso un itinerario che unisce arte, design e architettura. È l'idea alla base di 24 stops, opera site specific a tappe concepita dall'artista tedesco Tobias Rehberger.

La Rehberger-Weg, la strada di Rehberger, come è stata subito soprannominata, si snoda per 5 km tra le colline e i vigneti che circondano le cittadine di Riehen, in Svizzera, e Weil am Rhein, in Germania.

Punto di partenza è la Foundation Beyeler di Riehen, progettata da Renzo Piano, che raccoglie circa 300 opere tra arte contemporanea e moderna, post impressionismo e arte etnografica. Punto di arrivo è invece il Vitra Campus di Weil am Rhein, in cui si trovano alcune architetture realizzate dai più grandi progettisti del nostro tempo, come Herzog & De Meuron, Nicolas Grimshaw, Zaha Hadid e Frank O. Gehry.

Tra le due istituzioni culturali, solo boschi, paesini e vigneti, interrotti dalle 24 opere di Tobias Rehberger, che spuntano colorate tra gli alberi e l'erba invitando i passanti a immergersi nel paesaggio circostante. Una caccia al tesoro che vuole rappresentare un trait d'union tra arte, natura e storia.

Il progetto, sponsorizzato da Swatch, offre tour gratuiti con esperti d'arte e architettura, previa registrazione sul sito dell'iniziativa. Il prossimo tour si terrà il 2 ottobre, mentre l'8 ottobre sarà invece possibile percorrere l'itinerario con l'artista Tobias Rehberger.

Places
A Tokyo il ristorante di carta firmato Shigeru Ban
Places
A Montreal la sede di una banca diventa spazio di coworking
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale
L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


Al Museum of Modern Art un viaggio alla scoperta dei quarantacinque anni di architettura jugoslava. Fino al 13 gennaio 2019
Essere e tempo

Essere e tempo

Trasparenze evanescenti, sfumature naturali e pensieri fluttuanti scanditi da orologi e accessori importanti. Sono attimi sospesi per giocare con i dettagli preziosi del momento
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion