L'interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
Il restyling dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
L'esterno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
L'interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
Credits: Interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
Interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
Interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
Interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
Interno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
L'esterno dell'Unicredit Bulbank di Sofia, ad opera degli studi italiani SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti
News

Unicredit Bulbank di Sofia: premiato il progetto di due studi italiani

Laura Barsottini

La prestigiosa rivista bulgara Ideal Home ha premiato l'Unicredit Bulbank di Sofia come “Innovative Business Space in the House 2015”. Autori del progetto, due studi italiani, SGS Architetti Associati e Studio Scagliotti. Il progetto consiste nel restyling interno ed esterno dell'edificio occupato da Unicredit per il lancio dell'International Center, un hub destinato a fornire sostegno alla clientela di Unicredit che svolge attività di business in Bulgaria.

Molte le aziende italiane coinvolte. Il rifacimento della facciata di un palazzo anni 80 ha visto un ampio uso di pannelli i-light dell'azienda Italcementi. Gli spazi interni, suddivisi su due livelli, prevedono un'area d'accoglienza al piano terra e sale business utilizzabili su prenotazione al primo piano. L'illuminazione utilizza le lampade Viabizzuno di Hi-Lite, la domotica è di Home Controls, il design e la produzione di arredi di MDF, mentre Work&Work si è occupata della realizzazione di arredi su disegno.

Situato nel centro storico di Sofia, l'International Center punta sull'internazionalizazione di aziende italiane offrendo una location di prestigio per avviare in Bulgaria i propri affari: una sorta di temporary office. Inoltre, metterà a disposizione facility logistiche, organizzerà occasioni di Business to Business networking, eventi tematici di settore, consulenze legali e fiscali.

Places
Burlington Arcade di Londra: ristrutturato il tempio dello shopping
Products
Le più belle poltrone outdoor di settembre
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto