Sasso dorato con custodia, Dominic Wilcox 2009
cappello decorato con pelo dorato, Giovanni Corvaja (2009) - Credits: Courtesy of Adrian Sassoon, London
“Second Space”, orologio da viaggio di George Daniels (1982). - Credits: Jasper Gough Sothebys
“Time for Yourself” di Marcin Rusak, realizzato in collaborazione con Iona Inglesby - Credits: Marcin Rusak
Corona decorata con diamanti, smeraldi e rubini (1750). - Credits: The Rosalinde and Arthur Gilbert Collection
Lead Lovers Eye - Credits: Victoria and Albert Museum, London
Luxury Oif Gag Square - Credits: Victoria and Albert Museum
News

Al Victoria and Albert Museum sfilano gli oggetti di luxury design

Luca Bergamin

What is luxury? A tentare di rispondere a questa amletica, tentatrice domanda provvede il Victoria & Albert Museum, la culla del design londinese, con un'esposizione in cui i curatori ripercorrono e rincorrono gli stilemi e gli oggetti della ricchezza contemporanea, nonchè quella del passato e anche del futuro. Sono cento gli oggetti selezionati, a cominciare da una splendida corona d'oro in stile barocco che si accompagna a una carrozza utilizzata dai sultani indiani: i maraja amavano farsi portare in giro dentro una vettura interamente ricoperta di oro. Bellissima anche la tabacchiera d'oro del XVIII secolo tempestata di pietre preziose che è appartenuta a Federico Il Grande, Re di Prussia.

Non c'è soltanto il passato del lusso in questa carrellata di gusto eccelso bensì anche creazioni contemporanee che rasentano la perfezione quali ad esempio il Cappello Vello d'Oro che l'italiano Giovanni Corvaja ha realizzato in 2.500 ore di lavoro: è riuscito a filare con una tecnica personalissima e segreta ben 160 km del metallo più prezioso. Davvero incantevoli anche le ciotole di lacca dell'artista coreano Chung Hae-Cho.

Il lusso risiede nel valore delle pietre ma anche nella lavorazione dei materiali, come ad esempio la sella Talaris di Hermes cucita a mano, con l'interno in titanio e fibra di carbonio, mentre il lampadario Studio Drift è composto da bolle di vetro. Vacheron Constantin espone un orologio lavorato con una precisione manuale impressionante.

Il futuro del luxury design è già arrivato: Time for Yourself non è l'anonimo astuccio che sembra, contiene bensì una bussola per non perdersi quando la tecnologia che ci assiste fa cilecca. E un altro prezioso messaggio lanciato dal Victoria and Albert Museum è rappresentato da quel sassolino che diventa oro...

What is Luxury?

Victoria and Albert Museum, sino al 27 settembre

News
Scarpe di design in mostra a Londra
Products
5 oggetti di stile legati al mondo del surf
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento