XI Triennale di Milano, 1957, Padiglione della mostra degli Stati Uniti, Teague e McCobb - Credits: Triennale di Milano
News

La XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano

Alessandro Mitola

Dal 2 aprile al 12 settembre torna la XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, dal titolo 21st Century. Design After Design. La kermesse, nata a Monza nel 1923 e trasferita a Milano nel 1933, è stata un punto di riferimento internazionale che ha visto nel 1996 la sua ultima edizione affrontando il tema Identità e Differenze.

A distanza di vent’anni esatti, riapre i battenti coinvolgendo la città meneghina con un calendario di eventi scandito da venti mostre in dodici sedi diverse: dalla Triennale alla Fabbrica del Vapore, dal Pirelli HangarBicocca ai Campus del Politecnico, dal Campus della IULM al MUDEC, dal Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” a BASE Milano, dal Palazzo della Permanente all’Area Expo, dal Museo Diocesano all’Headquarters Pirelli, dall’Università degli Studi di Milano al Grattacielo Pirelli, dall’Accademia di Belle Arti di Brera allo Spazio Oberdan, dal Triennale ExpoGate fino alla Villa Reale di Monza. E per l’occasione verranno riaperti due padiglioni protagonisti di Expo 2015, il Future food district e l'Auditorium, entrambi palcoscenico per il ciclo di mostre, sei per l’esattezza, dal titolo City After the City, a cura dida Pierluigi Nicolin.

21st Century. Design After Design si configura come una lente di ingrandimento sul Ventunesimo Secolo pensata con l’obiettivo di decodificare e individuare i cambiamenti legati al tema della progettualità come l’impatto della globalizzazione, le conseguenze della crisi economica, il rapporto tra città e design, tra design e nuove tecnologie e le nuove frontiere dell’artigianato.

Undici saranno le mostre curate dal comitato scientifico della XX1T: Neo Preistoria - 100 Verbi, a cura di Andrea Branzi e Kenya Hara;
TDM 9. W - Women in Italian Design, a cura di Silvana Annicchiarico; Architecture as Art, a cura di Pierluigi Nicolin;
 Sempering, a cura di Luisa Collina e Cino Zucchi;
 New Craft, a cura di Stefano Micelli; La Metropoli Multietnica, a cura di Andrea Branzi e il ciclo
 City After the City, con la direzione di Pierluigi Nicolin.

Parallelamente, l’edizione 2016, si snoderà attraverso altre nove mostre realizzate in collaborazione con istituzioni milanesi tra cui il Salone del Mobile, il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, il Museo Diocesano,  

I Biennale di Monza, 1923 - Sala futurista italiana, Fortunato Depero - Credits: Triennale di Milano
VIII Triennale di Milano, 1947 - Diorama del QT8, Bianchetti, Pea, Nizzoli - Credits: Triennale di Milano
X Triennale di Milano, 1954 - Mostra Internazionale dell’Industrial Design, Castiglioni, Menghi, Morello, Nizzoli, Provinciali, Rosselli, Pepe, Reggiani - Credits: Triennale di Milano
XII Triennale di Milano, 1960 - Mostra Internazionale del vetro e dell’acciaio, di F. Albini, soffitto di G. Dova - Credits: Triennale di Milano
XIII Triennale di Milano, 1964 - Scalone d’onore, complesso di otto condotti, di V. Gregotti, G. Stoppino, L. Meneghetti, P. Brivio - Credits: Triennale di Milano
XV Triennale di Milano, 1973 - Scalone d’onore, Nanda Vigo - Credits: Triennale di Milano
XVII Triennale di Milano, 1983-1987 - Il progetto domestico, Aldo Rossi, Teatro domestico - Credits: Triennale di Milano
XVIII Triennale di Milano, 1992 - Atrio di ingresso, Aldo Rossi e Luca Meda - Credits: Triennale di Milano
XIX Triennale di Milano, 1996 - Pulp City, Hodgetts and Fung
XIX Triennale di Milano, 1996 - Pulp City, Hodgetts and Fung - Credits: Triennale di Milano
XX Triennale di Milano, 2001-2004, Charles and Ray Eames - Credits: Triennale di Milano
Products
Ricoh compie 80 anni e presenta GR II Silver Edition
Milano Design Week
Kartell, ecco le anteprime del Salone del Mobile 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto