Aino Marsio‐Aalto e Alvar Aalto nello showroom Artek‐Pascoe di New York, 1940 - Credits: Aalto Family Collection
Alvar Aalto. Chair (model 34) - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Stacking tools (model 60), Birch - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Screen (model 100). Birch. Aino Marsio-Aalto. Tea trolley (model 98). - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Ceiling lamp (model A22) - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Chair (model 54) - Credits: Bruce White
Aino Marsio-Aalto - Sedia, ca. 1938 - Credits: Bruce White
Alvar Aalto - Sedia da giardino, ca. 1938-39 - Credits: Bruce White
Aino Marsio-Aalto. Tea trolley (model 98) - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Armchair (model 37), “Tank.” - Credits: Bruce White
La vetrina dello store Artek di Helsinki, 1939 - Credits: Artek collection, Alvar Aalto Museum
Una serie di complementi Artek esposti nel Padiglione finlandese durante l'Esposizione Universale di Parigi, 1937 - Credits: Alvar Aalto Museum
Artek store di Helsinki, 1939 - Credits: Saurén, Artek collection, Alvar Aalto Museum
Una serie di complementi Artek esposti nel Padiglione finlandese durante l'Esposizione Universale di Parigi, 1937 - Credits: Henry Sarian, Alvar Aalto Museum
Aino Marsio‐Aalto, ca. 1945 - Credits: Aalto Family Collection
NYC Design

A New York una mostra celebra l’universo di Artek

Alessandro Mitola

Per la prima volta negli Stati Uniti, la Bard Graduate Center di New York ospita un percorso espositivo dedicato a una delle coppie più prolifiche del panorama del design e dell’architettura, Alvar e Aino Aalto.

Fino al prossimo 25 settembre, Artek and the Aaltos: Creating a Modern World rende omaggio al duo finlandese che nel 1935 fondò Artek, una tra le aziende più longeve e significative della storia del design.

Con circa 200 opere, alcune delle quali mai mostrate prima, la mostra mette a fuoco il ruolo di Artek nella diffusione del modernismo nel mondo dell'arte, dell'architettura, dell'arredamento di interni e nel design.

Tutto questo grazie alla collaborazione tra la Alvar Aalto Foundation di Helsinki e il gruppo curatoriale composto da Nina Stritzler-Levine e Juhani Pallasmaa, che per la prima volta ha pensato a un percorso articolato tra progetti architettonici, disegni e bozzetti di interni e arredi, dipinti, fotografie, mobili, oggetti in vetro, illuminazione e tessili.

La mostra è inoltre affiancata da un catalogo di prestigio distribuito dalla Yale University Press e curato da Nina Stritzler-Levine: si tratta del primo libro in lingua inglese che analizza in profondità il lavoro svolto dal duo finlandese.

News
Il Bauhaus attraverso la lente di Lucia Moholy
News
Apre il nuovo SFMOMA - San Francisco Museum of Modern Art
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”