Credits: Wikimedia Commons - InfoGibraltar
Places

I dieci aeroporti più belli del mondo

Domenico Di Maio

Gli aeroporti si sa, rappresentano i punti nevralgici degli scambi turistici, commerciali e tappe oramai fondamentali di scalo, partenza o atterraggio e sono sempre più frequentati dopo la netta decrescita dei costi dei voli dell'ultimo decennio.

Come ogni piccola sfumatura del viaggio, anche questi enormi porti per boeing e jet sono diventati punti di interesse e studio di numerosi appassionati del design

Spesso, inconsapevolmente, ci si trova a rincorrere il tempo, tra un controllo e una sosta sulle panche tra un gate e un altro in attesa del proprio volo, non soffermandosi sulla bellezza di queste smisurate strutture. 

Aeroporti: il viaggio incontra l'architettura 

Abbiamo deciso di raccontare i luoghi più belli sparsi per il mondo, gli snodi che meritano un posto all'interno di una piccola classifica stilata attraverso una galleria fotografica che ne racconti visivamente e testualmente un po' di storia. 

Aeroporto di Marrakech-Menara - Credits: Wikimedia Commons - Jason7825
Aeroporto internazionale del Kansai - Credits: Flickr - redlegsfan21
Aeroporto Internazionale di Gedda-Re Abd al-Aziz - Hajj Terminal - Credits: Wikimedia Commons - UR-SDV
Aeroporto di Berlino-Tempelhof - Credits: TSGT Jose Lopez Jr., US Air Force
Terminal 4 - Aeroporto di Madrid-Barajas - Credits: Flickr - Jean-Pierre Dalbéra Segui
Aeroporto Internazionale di Carrasco
Aeroporto di Shenzhen-Bao'an - Credits: Flickr - Forgemind ArchiMedia
Aeroporto di Bilbao - Credits: Wikimedia Commons - Basotxerri
Aeroporto di Wellington -Rock Terminal - Credits: Flickr - Kristina D.C. Hoeppner
Aeroporto di Pechino-Capitale - Credits: China Photos/Stringer

Aeroporto di Marrakech-Menara

L’aeroporto più grande del Marocco è caratterizzata da un’estensione disegnata dallo studio E2A. Bellissima l’intera struttura ad intreccio e piacevole il gioco luce che filtra da particolarissimi vetri ricoperti di arabeschi.

Aeroporto internazionale del Kansai

L’aeroporto di Osaka è stato disegnato dall’architetto Italiano Renzo Piano ed è celebre per la propria insolita posizione: la baia di Osaka accoglie un’isola artificiale sulla quale, nel 1994, fu costruito l’aeroporto.

Aeroporto Internazionale di Gedda-Re Abd al-Aziz - Hajj Terminal

L’Hajj Terminal del Gedda-Re Abd al-Aziz è stato disegnato da Skidmore, Owings & Merrill e pensato appositamente per ospitare un massiccio afflusso di fedeli diretti alla Mecca. Per fare in modo che possero essere ospitati 80.000 e 100.000 pellegrini alla volta è stato pensata una struttura open-air – inizialmente con coperture in cemento. Viste le temperature è stata successivamente adottata una copertura in teflon, in grado di schermare il 76% delle radiazioni solari.

Aeroporto di Berlino - Tempelhof

Costruito tra il 1936 e il 1941, l’oramai abbandonato aeroporto di Berlino era destinato ad essere la madre di tutti gli aeroporti. Concepito dai leader del Terzo Reich doveva rappresentare la supremazia tedesca e doveva rimandare - nella forma - alla silhouette di un’aquila con le ali spiegate.
Dopo essere stato, durante gli anni ’60 e ’70, uno dei più importanti aeroporti internazionali verrà chiuso nel 2008 per l’iniziativa di trasferire il traffico aereo totale all’aeroporto di Berlino Schönefeld.

Terminal 4 - Aeroporto di Madrid-Barajas

Il più grande terminal della Spagna è costituito da una sequenza di spazi e insenature che consentono alla luce naturale di penetrare agilmente all’interno della struttura. Progettato da Roger Stirk Harbour + Partners.

Aeroporto di Shenzhen - Bao'an

Questa struttura a nido d’ape è idea di Massimiliano e Doriana Fuksas. La tipica forma “bucherellata” funziona per il solito transito della luce e la struttura a tre livelli dell’atrio sorprende per la capacità di far penetrare la luce e diffondersi su tutti e tre i piani.

Aeroporto di Bilbao

L’Aeroporto di Bilbao è anche conosciuto come “La Palomba”. Soffermandosi a guardare la struttura pensata da Santiago Calatrava, è immediato il riferimento al volatile in procinto di spiccare il volo.
La struttura in acciaio e cemento è elegante e piacevole. Impossibile da ignorare per tutti coloro che sono amanti delle forme semplici e decise.

Aeroporto di Wellington - Rock Terminal

Il rock terminal dell’aeroporto di Wellington – in Nuova Zelanda – ricorda una grotta. È interamente rivestito di materiali come legno e rame e rendono l’ambientazione lussuosa e protettiva.

Aeroporto di Pechino-Capitale

Completato per le olimpiadi di Pechino del 2008, l’aeroporto è opera dello studio Foster + Partners. Nella forma richiama uno dei simboli più potenti e antichi della tradizione cinese: il drago e nell’efficienza energetica non ha euguali nel mondo.

Aeroporto Internazionale di Carrasco

Una copertura curvilinea per questo aeroporto disegnato da Rafael Vinoly è sufficiente a dare l’impressione di trovarsi all’interno di una struttura semplice ed elegante.
Si sviluppa su più livelli: uno pensato per gli arrivi, uno per le partenze e una terrazza pubblica che affaccia sulla pista e sull’interno, per dare l’opportunità a chi accompagna di non annoiarsi.

Places
Il mondo del vino in un museo: La Cité du Vin
Places
Noor: un ristorante andaluso di ispirazione araba
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi