Apple Dubai Mall, progetto Foster + Partners - Credits: Apple
Apple Dubai Mall, progetto Foster + Partners - Credits: Apple
Apple Dubai Mall, progetto Foster + Partners - Credits: Apple
Apple Dubai Mall, progetto Foster + Partners - Credits: Apple
Apple Dubai Mall, progetto Foster + Partners - Credits: Apple
Places

L’Apple Dubai Mall a firma di Foster + Partners

Milano Design Film Festival

Con una facciata curva di 88 metri che si affaccia sul Burj Khalifa e la Dubai Fountain, Apple inaugura il suo mall negli Emirati Arabi Uniti su progetto di Foster + Partners. È il terzo store nel Paese e il secondo a Dubai, testimoniando un forte investimento commerciale in questo mercato. Il negozio vuole contraddistinguersi come una piazza aperta in cui incontrarsi e un avamposto per godere degli spettacoli serali della fontana. Foster + Partners ha puntato sulla trasparenza, riducendo la separazione fra interno ed esterno, tra negozio e comunità. Per mitigare il clima di Dubai, sono state progettate diciotto Solar wings motorizzate di oltre 11 metri di altezza, che rispondono alle condizioni ambientali in continuo cambiamento. I diciotto pannelli in carbonio, con pattern ispirati alla tradizionale Mashrabiya araba, costituiscono una delle più grandi installazioni di arte cinetica al mondo.

Il contesto, dunque, è fondamentale nella progettazione e nella funzione di questo importante mall. Non a caso per l’inaugurazione è stato realizzato un video descrittivo dell’architettura. L’utilizzo di droni consente una veduta dall’alto dell’edificio rispetto al lago e al mega-progetto di punta di Emaar, destinazione retail e lifestyle più visitata al mondo. Il video mostra in modo efficace e diretto la centralità della posizione dell’Apple mall e, indirettamente, come la strategia del negozio sposi la funzione generale di enteritainment del luogo. «Vediamo i nostri negozi come una piazza moderna, dove i visitatori vengono a fare acquisti, trarre ispirazione, imparare o incontrare altre persone della loro comunità», afferma Angela Ahrendts, senior vice president Retail di Apple. «Non c'è luogo migliore per incontrarsi che affacciarsi sul centro di Dubai, dove si incontrano la Dubai Fountain, il Burj Khalifa e il Dubai Mall. Siamo incredibilmente onorati di avere uno spazio in una delle intersezioni più incredibili e dinamiche al mondo».

News
Gaetano Pesce in mostra a Venezia
News
Realtà aumentata e virtuale a Venezia
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”