Credits: Ph. Philippe Servent
Places

Atmosfere Art Déco all’Hotel Saint-Marc di Parigi

A pochi passi dall'Opéra Comique, al 36 di Rue Saint-Marc, sorge il nuovo Hôtel Saint-Marc. Un elegante boutique hotel di ispirazione Art Déco ospitato negli spazi di uno storico edificio parigino costruito nel 1791.

Il progetto porta la firma di Britt Moran ed Emiliano Salci di DIMORESTUDIO, che hanno avviato un dialogo in equilibrio tra passato e presente grazie all’uso di pezzi iconici, oggetti di recupero e arredi su misura, conservando l'identità storica del luogo.

L’ingresso è segnato da ampi divani, tavolini in vetro e metallo, consolle in legno pregiato e raffinati marmi bianchi e neri nella più pura tradizione francese, accostati a pareti spolverate di rosa. Il tutto illuminato dalle lampade di Fontana Arte e le applique disegnate su misura da Britt Moran ed Emiliano Salci.

Si prosegue poi in direzione del living, progettato nello spirito di un bar-club con biblioteca e arredato con piccole sedie in velluto e metallo dorato tipicamente Art Decò, e completato da tavolini in vetro e ottone. Per poi approdare in una grande sala dedicata alla prima colazione e al relax dove le sospensioni in vetro lucido bianco e ottone realizzate su misura illuminano creano un’atmosfera intima.

L'Hôtel Saint-Marc conta in tutto 25 camere tra i 20 e i 40 metri quadri e una suite di 56 progettate come appartamenti privati dotati di un fascino unico in stile Art Decò, dove dalle tinte giallo senape si passa al rosso bordeaux, passando per il verde foresta o il blu cielo: teatro per oggetti d’arte e decorativi disegnati ad hoc da artigiani di Murano. E per non farsi mancare niente, completa lo spazio una zona bene zona benessere, con hammam, idromassaggio e piscina con nuoto contro-corrente.

Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent
Credits: Ph. Philippe Servent