Il bed and breakfast Calcebianca, Ostuni
Places

Tra cielo e mare nel B&B Calcebianca di Ostuni

Un'architettura sospesa tra cielo e mare, dove la tradizione incontra la contemporaneità.

Siamo nel sud dello Stivale. Qui, tra la calda matericità del tufo e il candore della calce, il bed and breakfast Calcebianca si affaccia sull'entroterra e sul centro storico della Città Bianca, Ostuni. 

I volumi, semplici cubi color blu cielo, ospitano le tre camere arredate con mobili di design e comfort moderni. A dare i nomi alle stanze sono gli alberi di carrubo, melograno e fico che, situati ai margini delle terrazze private, offrono riparo nelle calde giornate estive.

Lo sguardo vaga osservando gli ulivi, l'Adriatico e lo specchio d'acqua della piscina, capace di trasformarsi in un tutt'uno con l'orizzonte infinito del mare. Ma la vera magia avviene al tramonto quando le piastrelle grigie, scelte per il fondale dell'infinity pool, si incupiscono creando giochi di luci e riflessi.

Il bed and breakfast Calcebianca nasce dall'iniziativa di una giovane famiglia pugliese desiderosa di condividere con i propri ospiti la cultura locale e le bellezze della campagna. Il progetto porta la firma di Cosimo Cardone di Studio Talent, che ancora una volta crea un'architettura capace di raccontare la storia del territorio su cui sorge.

Paesaggi mozzafiato, ulivi e il mare Adriatico circondano il B&B Calcebianca
L'architettura è firmata da Cosimo Cardone e da Studio Talent
Dalla piscina si gode di una vista panoramica mozzafiato sulla Città Bianca, Ostuni
Volumi geometrici, arredi contemporanei e calce bianca caratterizzano l'architettura
Lo sfioro della piscina si fonde con la linea d'orizzonte del mare
Per Calcebianca, Cosimo Cardone ha realizzato semplici cubi, color blu cielo, che ospitano 3 camere. In foto la camera del Fico
In questo rifugio sospeso tra cielo e mare si gode dell'ospitalità di una famiglia pugliese desiderosa di condividere il territorio e le tradizioni locali con i propri ospiti
La stanza del Fico
In questo rifugio sospeso tra cielo e mare si gode dell'ospitalità di una famiglia pugliese desiderosa di condividere il territorio e le tradizioni locali con i propri ospiti
I piccoli giardini situati in fronte alle camere danno il nome agli alloggi. In foto, la stanza del Melograno
La infinity pool del Bed & Breakfast pugliese
La stanza del Carrubo è il terzo e ultimo alloggio
La stanza del Carrubo
Volumi azzurri e geometrici si confondono con il cielo
Products
La nuova collezione Trussardi Casa
News
Cento sedie (di design) in miniatura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento