Blue Line Park, Busan, Migliore+Servetto
Blue Line Park, Busan, Migliore+Servetto
Blue Line Park, Busan, Migliore+Servetto
Places

A Busan, in Corea del Sud, l’ex ferrovia si trasforma in un grande parco


Busan, con i suoi 3,5 milioni di abitati, è la città più popolosa della Corea del Sud. Città che ospiterà il parco tematico Blu Line Park firmato dallo studio Migliore+Servetto.

Si tratta di un intervento di riqualificazione su un’area di 5 chilometri di ferrovia abbandonata, che lascerà il posto a un treno turistico insieme a tre nuove stazioni e a un percorso sospeso di Sky-bike.

Il parco concepito dallo studio guidato da Ico Migliore e Mara Servetto, che vedrà la realizzione a partire dal 2019, intreccia il tema della rivalutazione degli spazi dismessi dell’architettura del paesaggio. Il progetto si inserisce in un percorso di strategia territoriale sulla scia di Seoul e sarà caratterizzato da due accessi principali, due nuove piazze urbane che fungono da congiunzione con la città: da un lato la Mipo Square, in cui si riversano le strette vie laterali del quartiere e dall’altro lo spazio polifunzionale che sorge in prossimità del vecchio terminal della stazione ferroviaria di Songjeong.

Laddove sono posizionati gli accessi al parco, sottili fili d’erba di un brillante giallo-verde alti fino a 10 metri contrassegnano il passaggio dall’ambiente urbano a quello naturale, introducendo i visitatori al percorso scandito scandito da aree tematiche, concepite per offrire esperienze diverse e denominate dagli architetti “isole di ascolto, di conoscenza e di incontro”.

Si tratta di vere e proprie installazioni sonore: la Wind Installation affida a leggere canne di bambù il compito di restituire ai visitatori la voce del vento; Listen to the sea pone in dialogo il visitatore con l’ambiente marino, attraverso dei grandi padiglioni auricolari che fungono da cassa di risonanza per l’eco del mare; Play the symphony stimola la partecipazione attiva attraverso l’utilizzo creativo di un elemento della tradizione coreana, le tipiche ciotole di metallo, trasformate in strumenti a percussione in grado di riprodurre l’intera scala musicale. In  Listen to the nature, infine, protagonista è la natura rigogliosa dell’area boschiva retrostante.