Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Walala Pump and Go At Fort Smith, Arkansas - Credits: Photo courtesy Justkids
Places

Il tribalismo grafico di Camille Walala in Arkansas

Da cinque anni a questa parte, il collettivo di artisti Justkids sta rivoluzionando la cittadina di Fort Smith, in Arkansas, attraverso il programma di arte pubblica The Unexpected. L'ultima a contribuire all'iniziativa è stata l'artista francese Camille Walala, che ha trasformato un vecchio benzinaio degli anni '50 nel Walala Pump & Go gas station, un landmark coloratissimo che riassume la sua visione artistica. Una danza, quella di Camille Walala, che si muove tra arte, grafica e architettura tracciando i confini di un nuovo tribalismo grafico fatto di colori accesi e pattern esotici, di geometrie giocose e di fantasie pop.

«L'approccio artistico di Camille è capace di enfatizzare l'architettura creando spazi dedicati alla socialità. Lavorando per cinque anni alla curatela di vari progetti visivi a Fort Smith, mi sono resa conto che si sta sviluppando un nuovo senso di comunità attorno città, una riscoperta delle bellezze del territorio a volte dimenticate. Il lavoro di Camille va proprio in questa direzione» ha raccontato la curatrice di Justkids Charlotte Dutoit.

Fondendo le ispirazioni provenienti da viaggi, dal movimento Memphis, dai maestri dell'arte ottica e dalle donne della tribù dei Ndebele del Sud, Camille ha trasformato il vecchio benzinaio in uno spazio accattivante in una sola settimana. Ad aiutarla, solo alcuni volontari locali e l'artista Nate Meyers.

«Questo edificio è stato una tela incredibile: mi ha permesso di creare qualcosa di veramente coraggioso, che emerge dal contesto circostante in modo deciso. Le persone che mi hanno aiutato sono state capaci di interpretare perfettamente la mia idea», ha spiegato Camille Walala.