Cantina Tramin - Credits: Foto: Rickard Kust
Places

Cantina Tramin, in armonia con la natura

A Termeno, in Alto Adige, la forma della vite ha ispirato uno dei landmark più celebri del luogo: la Cantina Tramin. Prosegue il nostro viaggio tra le cantine vinicole più belle d’Italia, vero e proprio patrimonio architettonico che accompagna l’eccellenza della produzione enologica italiana.

Questa volta ci spostiamo lungo la Weinstraße, la strada del vino, con un progetto che nasce proprio là dove inizia tutto: la vite. È lei, con il suo reticolo di tralci, fronde e frutti, a essere celebrata dall’architetto Werner Tscholl (da lui è nata anche l'architettura cubica che ospita la distilleria Puni) in una struttura dalle geometrie spigolose, che si impone sull’ambiente circostante pur traendone ispirazione: «L’idea da cui ha preso vita il progetto è la vite, nella sua morfologia e funzione sul territorio. Un segno che nasce dalla terra grazie all’opera delle sapienti mani dei coltivatori, e che crea, nel caso della cantina, un involucro tutt’intorno all’edificio che la ospita».

Ed è proprio quell'involucro, quel reticolo irregolare dal colore verde acceso, a caratterizzare le due architetture poste ai lati della struttura originaria. Due ali dispiegate che sembrano voler abbracciare il paesaggio circostante, come se fossero enormi braccia. Sono proprio loro che nel 2010, terminata la realizzazione del progetto, hanno contribuito a dare un nuovo look alla cantina, tanto da renderla un punto di riferimento architettonico del luogo. Un’enorme opera d’arte contemporanea in cui si produce il celebre Gewürztraminer ma non solo, e che è anche porta d'accesso privilegiata alla scoperta del territorio.

Che le caratteristiche del territorio siano state il punto di partenza dell’intero progetto è lo stesso Werner Tscholl a dirlo: «Non è stato messo in primo piano il prodotto, ma l’emozione evocata dal territorio e dall’idea che sta dietro al prodotto da gustare. A Termeno questa emozione consiste nella vista spettacolare sui vigneti circostanti». Il vino dunque, ma prima di tutto l'ambiente che lo partorisce.

All'interno delle due strutture sono stati collocati gli uffici, le sale di rappresentanza con un piccolo museo, alcune sale riunioni e conferenza, nonché la nuova enoteca. Grazie all'utilizzo di materiali biocompatibili e alla realizzazione di un innovativo sistema di isolamento termico, gli edifici sono caratterizzati da un bassissimo dispendio energetico.

Cantina Tramin - Credits: Foto: Florian Andergassen
Cantina Tramin - Interni - Credits: Foto: Florian Andergassen
Cantina Tramin - Credits: Foto: Florian Andergassen
Cantina Tramin - Credits: Foto: Florian Andergassen
Cantina Tramin - Credits: Foto: Alexa Rainer
Cantina Tramin - Credits: Foto: Rickard Kust
Cantina Tramin - Credits: Foto: Rickard Kust
Cantina Tramin - Interni - Credits: Foto: Rickard Kust
Cantina Tramin - Credits: Foto: Rickard Kust
Cantina Tramin - Credits: Foto: Florian Andergassen
Places
Nasce Cantiere Galli Design a Roma
News
Apple Park, il nuovo campus firmato Steve Jobs e Foster + Partners
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”