Centro Eventi Multifunzionale di Verbania - Credits: Piermario Ruggeri
Centro Eventi Multifunzionale di Verbania - Credits: Federico Bargone
Centro Eventi Multifunzionale di Verbania - Credits: Federico Bargone
Centro Eventi Multifunzionale di Verbania - Credits: Federico Bargone
Un dettaglio della facciata - Credits: Piermario Ruggeri
La gradinata esterna - Credits: Piermario Ruggeri
Centro Eventi Multifunzionale di Verbania - Credits: Piermario Ruggeri
Places

Il Centro Eventi Multifunzionale di Verbania

A Verbania, sulle rive del Lago Maggiore, sorge un centro culturale che si ispira al paesaggio circostante, tanto da trasformarsi in un gigantesco sasso lacustre dalle forme stilizzate.

Ideato e sviluppato dal gruppo Stones - guidato dall'architetto Salvador Perez Arroyo e coordinato dall'architetto Federico Bargone - il Centro Eventi Multifunzionale (CEM) è situato in posizione panoramica ai margini del centro storico di Intra e nei pressi della foce del torrente San Bernardino.

Uno spazio polifunzionale che si inserisce in modo netto nel contesto ambientale e urbano che lo ospita, prendendo come punto di partenza il sasso, simbolo del territorio, ed estremizzandone i volumi. Ma soprattutto una struttura dal forte accento contemporaneo, in bilico tra l'elemento di rottura e la continuità paesaggistica, che partecipa alla vita culturale del luogo offrendo mostre, spettacoli teatrali e manifestazioni.

Il profilo architettonico della struttura trae ispirazione dalle caratteristiche morfologiche del posto, senza però imitarle pedissequamente, ma anzi, reinterpretandole in chiave moderna. Una peculiarità che infonde valenza artistica al progetto.

Il complesso si affaccia direttamente sulla spiaggia attraverso uno spianato che può ospitare eventi e rappresentazioni teatrali en plein air. Grazie alle piattaforme mobili, gli spazi interni sono caratterizzati da flessibilità e dinamismo, ospitando una sala grande della capacità di cinquecento persone, una sala piccola da duecento posti, un ampio foyer di ingresso, camerini, uffici, sale prova, un bar ristorante con terrazza, dei magazzini e alcuni depositi.

La struttura è divisa in "quattro sassi", disposti su vari livelli, che accolgono i diversi spazi polifunzionali, mentre nei 400 metri sotterranei verranno adibiti aree giochi, una piccola biblioteca e una palestra per l'arrampicata.

Places
Zhangjiajie Glass Bridge: il ponte di vetro più lungo e alto del mondo
News
Le novità di Design Miami/Basel 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”