Gli interni del Deposito dei Gessi e il pannello di benvenuto - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Places

Il restauro della Chiesa di San Pellegrino a Lucca

È una storia a lieto fine quella della Chiesa di San Pellegrino a Lucca.

E il merito è dello studio di architettura lucchese Microscape, che attraverso un progetto di restauro ha riportato gli spazi alla loro antica bellezza. Ma anche del Polo Museale Toscano, che ha deciso di allestire proprio qui il Deposito dei Gessi.

Situata nel centro storico di Lucca, la chiesa ha vissuto, nel corso dei secoli, svariate vite. Quella di importante luogo di culto innanzitutto, nel XVII secolo, e quella di officina organaria, nel XX secolo, fino a quella di magazzino e infine di luogo abbandonato al degrado. Un (triste) destino, ribaltato dal progetto di trasferire la collezione di calchi in gesso del Polo Museale Toscano proprio negli spazi della chiesa.

Gli esterni, così come gli interni della struttura sono stati oggetto di un restauro dall'approccio conservativo, che ha voluto rimanere fedele all'architettura originaria della chiesa.

Per questo motivo, si contano sulle dita di una mano gli elementi architettonici introdotti dal progetto: le scale mancanti del presbiterio, le lastre di acciaio che fasciano la porta di collegamento tra i vani, l'area della bussola d'ingresso e gli spazi dove un tempo erano collocati gli altari di San Rocco e della Natività. I pavimenti in marmo, ripuliti e patinati, mostrano l'usura del tempo testimoniando il percorso della chiesa e i suoi diversi utilizzi.

Il Deposito dei Gessi, che conta 230 calchi realizzati tra la metà del XIX secolo la metà del XX secolo, è stato allestito nel modo più semplice possibile, per mezzo di un sistema di scaffali in pallet e di tubi. Una struttura minimalista e dall'accento moderno, che impatta visivamente con le figure in gesso. La luce, sia naturale che artificiale, è posta in modo invisibile sui cornicioni, definendo gli spazi e contribuendo a rendere il luogo ancora più suggestivo.

Una curiosità: ad accogliere i visitatori è un pannello scritto in diverse lingue, metafora dell'universalità dell'arte.

Products
I migliori auricolari Bluetooth del 2016
Products
5 sedie per lo studio, ergonomiche e di stile contemporaneo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto