Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Gabriele Zanon
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Giacomo Albo
Copernico Martesana, Milano - Credits: Ph. Giacomo Albo
Places

Copernico Martesana, a Milano co-working e non solo

«Le esigenze del mercato sono continuamente in evoluzione e Copernico è in grado di anticiparle e adattarle al profilo di un lavoratore che cambia e si evolve costantemente ed è alla ricerca di spazi flessibili, dinamici, dove condividere conoscenza ed esperienza e dove si possono sviluppare nuove idee». Con queste parole Pietro Martani, amministratore delegato di Copernico Holding S.p.A, ha dato il benvenuto a Copernico Martesana.

A tre anni dall’inaugurazione di Copernico Milano Centrale, la piattaforma di spazi e servizi dedicati allo smart working, si espande su Milano con un nuovo spazio che si configura come «punto di connessione fra le zone di Sesto San Giovanni, Nolo e Bicocca».

Il progetto architettonico e di design di Copernico Martesana è stato curato interamente da Alessia Garibaldi, Marco Vigo e Giorgio Piliego di Studio DC10, già autori del precedente progetto di riqualificazione di Copernico Centrale.

Il nuovo hub si sviluppa su 6500 metri quadri ed è costituito da tre edifici collegati, tra uffici, co-working, sale meeting, spazi eventi, lounge, library. Non manca il bar caffetteria, progettato a più mani da un team di progettisti composto da Bunker, Torricelli Associati e Weltgebraus.

Gli ambienti interni richiamano lo stile di Copernico Centrale, tra linee pulite, colori neutri e materiali naturali o riciclati, pareti vetrate, pezzi di design alternati ad arredi vintage e spazi verdi.

Non è tutto, Copernico Martesana ospita anche due spazi inediti pensati per soddisfare le esigenze del lavoratore 3.0: la Oxygen Room, una stanza dove domina il verde pensata per allontanare lo stress e lavorare senza cellulare e computer, e il Loft Office, uno spazio co-working che mantiene una dimensione intima e al tempo stesso condivisa.

.

Products
Un toro in legno da regalare a Natale firmato Formafantasma
Products
Curare la dipendenza da smartphone, con uno smartphone finto
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi