The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Jacek Kolodziejski.
The Nest, Varsavia, Beza Projekt - Credits: Ph. Mikołaj Lelewski
Places

Un coworking in blu tuchese, a Varsavia

A un primo impatto le diverse gradazioni di blu turchese che dominano l’ambiente catturano la vista, con un effetto a tratti rilassante. The Nest ha aperto le porte lo scorso ottobre in pieno centro a Varsavia, all’interno di un palazzo progettato dallo studio di architettura locale G5 Architekci. È uno spazio di coworking distribuito su sei livelli concepito per il lavoratore moderno da Beza Projekt, studio creativo fondato dalle designer Anna Łoskiewicz-Zakrzewska e Zofia Strumiłło-Sukiennik.

«The Nest nasce per accogliere freelance e creativi, ma anche per ospitare meeting e riunioni di lavoro», racconta Anna Łoskiewicz-Zakrzewska. «Ci siamo confrontati con i limiti imposti dall’edificio e abbiamo realizzato uno spazio fluido. Se da un lato abbiamo cercato di rispettare la struttura del luogo, dall’altro ci siamo posti l’obiettivo di creare un ambiente il più possibile accogliente. Ad esempio, per smorzare e bilanciare le forme spigolose dell'edificio, sono state introdotte linee curve e bordi arrotondati nel progetto di interni».

Al pianterreno The Nest ospita un concept store, mentre al primo piano, l’unico accessibile gratuitamente, sono presenti ampi tavoli di lavoro e una caffetteria. Pareti e soffitti sono contraddistinti da carte da parati con effetto marmorizzato realizzate dall’artista Kasia Korzeniecka, che contribuiscono a creare un'atmosfera informale. Via via salendo, i diversi livelli coprono le esigenze lavorative offrendo svariate postazioni di lavoro, più o meno condivise, mini uffici e sale riunioni. Gli arredi che popolano gli spazi sono progettate ad hoc da Beza Projekt, tra desk, sedie e divani che in alcune aree possono essere combinati a piacere. Non mancano spazi relax e un’area bimbi equipaggiata con libri illustrati e postazioni gioco.

«Volevamo un luogo lontano dal classico concetto di ufficio, un po’ come fosse un club», conclude Anna Łoskiewicz-Zakrzewska. «Il confine tra lavoro e tempo libero è sempre più labile, qui da Nest puoi prendere un caffè al bar oppure lavorare nel tuo ufficio con vista sulla città».

Places
Nel loft del designer italo-americano F Taylor Colantonio
Products
E anche la cuccia è di design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata