Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Places

Cube House, l’abitazione sperimentale di Schiattarella Associati

Rigore, geometrie pure e una buona dose di funzionalità. Si potrebbe sintetizzare così il progetto sperimentale - completato nel 2012 - che porta la firma dello studio romano Schiattarella Associati: la Cube House ospitata nel Villaggio Olimpico di Roma.

I giovani architetti Andrea Schiattarella e Carla Maresca hanno realizzato un’abitazione inserita nel contesto dello storico quartiere costruito per le Olimpiadi del 1960 dagli architetti Vittorio Cafiero, Adalberto Libera, Amedeo Luccichenti, Vincenzo Monaco e Luigi Moretti.

La casa si configura come un unico open space caratterizzato da un elemento centrale a forma di cubo 7m x 7m, che divide e distribuisce senza soluzione di continuità le varie aree funzionali: soggiorno, letto, cucina e bagno.

pannelli scorrevoli che fuoriescono dal volume centrale consentono, all’occorrenza, di suddividere l’open space e definire singoli ambienti per garantire privacy. L’elemento centrale prevede una cabina armadio capiente, mentre l'esterno è progettato per integrare le funzioni delle diverse zone: frigorifero e forno a colonna sul lato cucina, un WC e bidet nicchia sul lato bagno, contenitori e scaffalature sul lato soggiorno.

L'essenzialità degli arredi posti all’esterno è resa possibile dalla quantità di volumi e capienze ricavati all’interno del cubo centrale, che ha favorito la creazione di spazi liberi, corrispondenti ad altrettanti vuoti funzionali, utili a facilitare l’ingresso della luce nelle parti abitate. Anche le lastre di vetro disposte su alcune sezioni strategiche dell’unità contribuiscono a creare un luminoso gioco di trasparenze. La pavimentazione in parquet nero suggerisce un gradevole contrato cromatico con il cubo e gli altri arredi bianchi della casa.

Infine, il rivestimento del volume centrale in pannelli OSB, rifiniti in laccato bianco e cerati, è il risultato di un processo di nobilitazione di un materiale semplice ed economico, normalmente utilizzato per le barriere dei cantieri.

News
Design giovane da collezione
Places
Architetture sottozero: 10 rifugi di design tra le montagne
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale
L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


Al Museum of Modern Art un viaggio alla scoperta dei quarantacinque anni di architettura jugoslava. Fino al 13 gennaio 2019
Essere e tempo

Essere e tempo

Trasparenze evanescenti, sfumature naturali e pensieri fluttuanti scanditi da orologi e accessori importanti. Sono attimi sospesi per giocare con i dettagli preziosi del momento
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion