Il nuovo ristorante D'O di Davide Oldani si sviluppa su due livelli e include cucina, tinello, soggiorno, salotto, galleria, veranda, cantina e studio - Credits: Riva 1920
Places

Il nuovo ristorante D’O di Davide Oldani

Per la delizia di molti, il nuovo ristorante D'O di Davide Oldani a Cornaredo, alle porte di Milano, riapre al pubblico. Più grande e completamente rinnovato negli interni.

Da oggi sarà possibile provare le sperimentazioni dello chef milanese in uno spazio dal design elegante ed equilibrato, che fa dell’ospitalità uno dei sui requisiti più irrinunciabili.

Firmato da Piero Lissoni, con i suoi 48 posti a sedere, D’O si sviluppa su due livelli ed è caratterizzato da una vetrata incorniciata da un profilo di metallo traforato e coperta da una pensilina che si affaccia sulla piazza a creare un punto di contatto tra interno ed esterno.

Tavoli e sedie sono disegnati dallo stesso Davide Oldani nel segno del rigore e della funzionalità, che per la realizzazione ha deciso di affidarsi a Riva 1920 attraverso un accurato studio di progettazione su misura. La scelta dei materiali è caratterizzante: legno massello di rovere proveniente da aree di riforestazione controllata, collanti vinilici e finiture ad olio e cera vegetali, garanzia di un prodotto 100% naturale.

L’estrema essenzialità dei tavoli è sottolineata dall’assenza di tovaglie. Sotto il top è stato ricavato uno spazio ad hoc per ospitare i tovaglioli. Mentre le sedie presentano un comodo vano contenitore posto sotto la seduta e un vano svuotatasche per accogliere smartphone e portachiavi.

Spiega lo chef stellato a proposito del nuovo ristorante: «L’idea di bellezza del mio amico Piero si è perfettamente combinata alla mia idea di praticità, realizzando il mio desiderio di un’estetica che non rinunciasse alla comodità».

Il progetto porta la firma di Piero Lissoni, con l'obiettivo di abbattere le barriere tra cucina e sala da pranzo, tra lo chef e i suoi ospiti - Credits: Riva 1920
I tavoli e le sedute sono disegnati da Oldani stesso e realizzati da Riva 1920 - Credits: Riva 1920
Materiale principe è il legno massello di rovere, proveniente da aree di riforestazione controllata - Credits: Riva 1920
Il nuovo ristorante D'O di Davide Oldani ospita in tutto 48 posti a sedere - Credits: Riva 1920
Le sedute si caratterizzano per vano contenitore porta borse posto sotto la seduta e vano svuotatasche porta smartphone e portachiavi - Credits: Riva 1920
I tavoli, allestiti senza tovaglie, sono dotati di sotto top per ospitare i tovaglioli - Credits: Riva 1920
News
Setsugekka, il nuovo treno panoramico del Giappone
News
Hunters Roots Café, quando il design diventa sostenibile
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion
Itinerari enoartistici: Art of the Treasure Hunt

Itinerari enoartistici: Art of the Treasure Hunt

Nel Chianti, sei cantine vinicole ospitano dipinti, sculture e installazioni site-specific. Un percorso suggestivo alla scoperta delle eccellenze della regione e dei nuovi interpreti dell'arte
Sulla torre di Gio Ponti

Sulla torre di Gio Ponti

Sobrio, elegante. Innovativo, ma in armonia con il contesto. A Milano, il primo grattacielo italiano ha un’anima swing e segna l’ultima collaborazione tra Lancia e Ponti
I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

I cani di Elliott Erwitt in mostra a Treviso

Casa dei Carraresi ospita un grande percorso espositivo dedicato a un tema tanto caro al fotografo americano, quello degli amici a quattro zampe