Credits: ©Dmitry Chebanenko
Credits: ©Dmitry Chebanenko
Credits: ©Dmitry Chebanenko
Credits: ©Dmitry Chebanenko
Credits: ©Dmitry Chebanenko
Credits: ©Dmitry Chebanenko
Credits: ©Dmitry Chebanenko
Places

Interazione e polifunzionalità in una piazza di impronta sovietica

È esplicito il riferimento all'arancione usato negli autocarri prodotti dall'azienda Kamaz all'interno della rinnovata Azatlyk Square. Immediato riconoscerlo nella vernice usata nella passerella a spirale da cui è ora possibile osservare la nuova identità architettonica della principale piazza della città industriale di Naberezhnye Chelny, situata nella Repubblica russa del Tatarstan e sede, fin dagli anni Settanta, della nota casa produttrice di autocarri.

Nell'arco di un triennio - dall'affidamento dell'incarico, nel 2017, fino alla recente conclusione della terza fase costruttiva - lo studio di architettura DROM (Timur Karimullin, Sofia Koutsenko e Timur Shabaev), in collaborazione con Strelka KB, è riuscito a incidere nell'aspetto e nel ruolo urbano di uno spazio pubblico di oltre 7 ettari: percepito dalla popolazione residente come una 'reliquia' del passato sovietico, era ormai distante dai bisogni reali e sostanzialmente sottoimpiegato. Da tale consapevolezza, ha preso forma un vasto programma di interventi, modellato intorno ad almeno tre concetti chiave: policentricitàinterazione, mix funzionale. 

Nella nuova Azatlyk Square il verde contribuisce attivamente all'identificazione di una pluralità di 'poli' attrattivi e funzionali: gli alberi posti lungo il perimetro mediano la relazione con la città; il manto erboso, variamente modellato e steso, e le aiuole con più specie vegetali, collaborano con le diverse pavimentazioni alla gestione dello spazio e al disegno dei percorsi. La maggior parte della vegetazione preesistente è stata mantenuta; nell'inserimento di nuovi alberi gli architetti hanno voluto preservare l'ecosistema esistente e il paesaggio locale. Tre le nuove piazze: la Event Square, riconoscibile dal pavimento in cemento rosa, accoglie i mercati settimanali all'aperto; Green Square, con il suo anfiteatro ligneo, che è anche bar, e la più generosa porzione di prato della piazza; Cultural Square, in cui viene introdotto l'elemento acqua, presente sia nella fontana, sia nella nuova piscina circolare che nella stagione invernale ospiterà la pista di pattinaggio su ghiaccio.