Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Luca Campigotto
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Luca Campigotto
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Luca Campigotto
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Luca Campigotto
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Diego Rigatti
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Diego Rigatti
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Diego Rigatti
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Luca Campigotto
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Luca Campigotto
Égalité, via Melzo 22, Milano - Credits: Ph. Diego Rigatti
Il Boulanger Thierry Loy - Credits: Ph. Diego Rigatti
Places

Un po’ di Francia a Milano

Nel cuore di Milano, quartiere di Porta Venezia, il profumo di pane appena sfornato si diffonde da via Melzo al 22, dove ha aperto le porte Égalité.

Nato da un’idea dell’architetto e imprenditore Tiziano Vudafieri, Égalité è guidato dal maestro boulanger Thierry Loy, che dalle Alpi francesi ha deciso di trasferirsi nel capoluogo lombardo e realizzare un piccolo angolo di Francia.

Dalla colazione all’aperitivo, da Égalité la cultura italiana incontra quella francese nel segno della panificazione di alta gamma. Con laboratorio a vista, il locale è tante cose insieme: panificio, negozio di prodotti freschi e confezionati, destinazione per un caffè, per un pranzo o una merenda alla francese.

Il progetto è stato curato da Vudafieri-Saverino Partners, già autori di svariate destinazioni gourmet meneghine di successo, come Ristorante Berton, Pisacco, i due DRY, Zaza Ramen e l’ultimo nato, Kanpai, sempre in via Melzo.
 Gli interni riprendono la tradizione boulangère francese, tra elementi da panetteria anni Cinquanta e richiami ai caffè parigini come l'imponente banco del bar in zinco
.

Come già detto, uno dei protagonisti è il pane, realizzato direttamente nel laboratorio da Thierry Loy insieme al suo staff con farine e tecniche di panificazione francesi. Bianche e nere, le farine provengono da un mulino centenario, Minoterie du Trièves, che lavora secondo agricoltura biologica. La ricetta è semplice: impasti a elevata idratazione e a lunga lievitazione, lievito fresco “levure de boulange” per un pane leggero e morbido. L’offerta è variegata, il laboratorio propone ben cinque diversi tipi di baguette, sette tipi di pane, oltre a una varietà del giorno sempre diversa.

Storytelling
Sári Ember in mostra alla Galleria Campari
Products
I colori del paesaggio urbano

You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi