Credits: Fendi
Credits: Fendi
Credits: Fendi
Credits: Fendi
Credits: Fendi
Credits: Fendi
Places

Roma, apre il nuovo Fendi Caffè

Si arrichisce di una nuova presenza l'headquarter FENDI, nel quartiere capitolino dell'EUR: da qualche giorno, infatti, al piano terra dell'iconico Palazzo della Civiltà Italiana, dipendenti, clienti e ospiti possono usufrire del FENDI Caffè.

Il locale dichiara la propria identità con decisione a partire dal colpo d'occhio iniziale, nel quale si impone la finitura in cemento grezzo che unifica pareti e pavimenti. Sotto ad un soffitto che assegna piena evidenza agli impianti, lasciandoli volutamente a vista, si affiancano mobili vintage, dettagli da collezione e opere commissionate da FENDI. Un mix che conferisce un'impronta industrial agli spazi interni, mitigata dalla scritta al neon FENDI Caffè sulla parete che accompagna verso l'interno i clienti. Il team di Controprogetto - attivo nella realizzazione di pezzi unici, arredi su misura e allestimenti per i quali impiega materiali di recupero - ha firmato il grande bancone in legno riciclato, resina e cemento e due lunghi tavoli, con lo stesso carattere materico, accompagnati da sedute in legno con braccioli. 

Anche lo Zinc Bar, un lungo bancone in lamiera zincata con vani per cavi di ricarica USB, e i séparé in legno di castagno sono opera di Controprogetto. Nel FENDI Caffè sono inoltre disponibili due spazi d'eccezione. Nel Privé, destinato a un massimo di sette ospiti, è stato collocato un esclusivo tavolo di Naturedesign in legno di olmo, applique dell'azienda canadese Bocci e lampade a sospensione in vetro riciclato di Sander Wassink. La Brasserie occupa una piattaforma dedicata ed è contraddistinta da lampade retrò, divani in velluto, tavoli rivestiti in piastrelle vintage.

Numerosi, infine, gli interventi d'autore: da notare, le luci orizzontali che illuminano i tavoli, concepite dal designer olandese Piet Hein Eek, autore anche del Custom Cabinet. Questa monumentale opera - sempre in un'ottica di reimpiego, in essa confluiscono porte e finestre vintage - è impreziosito da centinaia di Botanical Bottles, opera dell'artista floreale giapponese Azuma Makoto. I fiori sono presenza costante in tutto l'interior designer, come attestano le "cascate di Tillandsia" che fanno da fondale allo Zinc bar - la Tillandsia è pianta che si nutre per via aerea, senza necessitare di terriccio - e il giardino verticale.

Places
Vino e design: Cantina Le Mortelle
News
Andrea Branzi in mostra a Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto
LightHenge illumina Milano Fall Design Week

LightHenge illumina Milano Fall Design Week

Per tutta la durata del mese di ottobre, l’installazione di suoni e luci firmata da Stefano Boeri per Edison illumina piazza XXV Aprile
Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Si intitola "Metropoli Novissima" e sarà visibile fino al prossimo 15 novembre presso il complesso Monumentale di San Domenico Maggiore di Napoli
Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Una settimana di incontri, talk, workshop e mostre sul rapporto tra design, politiche urbane, grafica e industria 4.0. Cosa vedere e perché