Credits: Ph. Federico Nero
Credits: Ph. Federico Nero
Credits: Ph. Federico Nero
Credits: Ph. Federico Nero
Credits: Ph. Federico Nero
Credits: Ph. Federico Nero
Credits: Ph. Federico Nero
Places

AMO, il ristorante firmato Philippe Starck al Fondaco dei Tedeschi 

Venezia con le sue suggestioni lagunari e la buona cucina. All’interno della corte centrale del Fondaco dei Tedeschi, di recente ridisegnato dallo studio OMA di Rem Koolhaas e trasformato in polo del lusso, ha da poco inaugurato il ristorante AMO guidato dalla famiglia Alajmo, già proprietaria dei ristoranti Le Calandre, La Montecchia a Padova, del Caffè Stern a Parigi e del Grancaffè & Ristorante Quadri in Piazza San Marco.

Il progetto vede la collaborazione di Philippe Starck, che ha curato gli interni nei minimi dettagli. «AMO è un’isola di mistero veneziano al centro dei tesori di tutto il mondo», racconta il designer francese. «Ogni pezzo di arredamento è un concentrato di spirito veneziano: i divani sono ispirati alle gondole, i vetri sono forgiati dai mastri vetrai di Murano, le pareti ritraggono fantasie ispirate al carnevale di Venezia».

Nell’elegante spazio si  alternano pezzi unici come la sedia in bronzo lucido di Boca de Lobo dal Portogallo, o i dipinti sulle pareti della caffetteria creati da Ara Starck, artista e figlia di Philippe Starck, che strutturano e definiscono lo spazio. E poi ci sono i murales artistici che evocano la città, i suoi canali e la sua materia.

A pranzo e a cena si potrà gustare una vasta scelta di piatti di carne, pesce e verdure, tre tipi di pizza (al forno, al vapore, fritta) e i classici dei fratelli Alajmo come il cappuccino di patate. «AMO sarà di natura sofisticatamente veneziana caratterizzato da sottili note di ironia», promette lo chef stellato Massimiliano Alajmo.