La Fondation Carmignac dall'alto - Credits: Foto: Lionel Barbe
Places

Fondation Carmignac

Comoda da raggiungere di certo non è. Per visitare la Fondation Carmignac bisogna prendere il traghetto per l'Isola di Porquerolles e fare una camminata di circa 700 metri all'interno del parco nazionale dell'isola. Un piccolo assaggio del viaggio – fisico e mentale – che accoglie i visitatori della Fondazione situata al largo della Costa Azzurra. Giunti a destinazione, tra i profumi della Provenza e il frinire di grilli e cicale, ad aprirsi è il panorama di una Villa dal sapore tipicamente mediterraneo incastonata nel bosco.

Inaugurata il 2 giugno 2018 dal collezionista d'arte francese Édouard Carmignac e da suo figlio Charles, imprenditore e musicista, raccoglie in uno spazio espositivo di 2.000 mq le circa 300 opere della collezione di famiglia e della Fondazione nata nel 2000. Grande protagonista è la scena artistica newyorkese degli anni '60-'70 e '80 – a cui Édouard Carmignac è stato molto vicino - con opere di Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Ed Ruscha e Jean-Michel Basquiat. Ma anche quella europea, con i lavori di Gerhard Richter, Willem de Kooning, Martial Raysse e Miquel Barceló. Il percorso attraverso l'arte contemporanea si estende poi fino ai giorni nostri, con uno sguardo su alcuni artisti emergenti come Korakrit Arunanondchai e Theaster Gates. Infine, la Fondazione ospita le fotografie e le opere di fotogiornalismo presentate durante il premio annuale Carmignac Photojournalism Award, oltre a mostre temporanee ed eventi.

A convincere Édouard Carmignac ad aprire la sede della Fondazione sull'Isola di Porquerolles sono state due cose: il film Pierrot le fou, girato nel 1965 da Jean-Luc Godard e parzialmente ambientato negli spazi della Villa, un tempo fattoria, e il matrimonio di una delle sue figlie, organizzato qui. Grazie alla collaborazione dell'Atelier Barani e della agenzia GMAA, la Villa è stata trasformata - nel pieno rispetto della struttura originaria - in un luogo dedicato all'arte contemporanea incorniciato da un Giardino delle Sculture di 15 ettari disegnato dal landscape designer Louis Benech.

La visita al Giardino è una vera e propria esperienza: dalla zona nord – dedicata alle installazioni più immersive – si prosegue verso la parte abitata dalle sculture più figurative, come busti, volti e creature della natura, fino a raggiungere una zona boschiva più selvaggia che conduce a un vigneto dove i visitatori possono rilassarsi bevendo un bicchiere di vino. Tutto è concepito come un viaggio e un'esperienza sensoriale, come anche la “sala dei rituali”, in cui bere drink a base di erbe aromatiche e camminare rigorosamente a piedi nudi.

Installation View - Credits: Ph. Marc Domage
Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Ugo Rondinone, 2018, Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Installation view - Credits: Ph. Marc Domage
Installation View - Jean-Michel Basquiat - Credits: Ph. Marc Domage
Olaf BREUNING, 2018, Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Nils-Udo, La couvée, 2018. © Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Miquel Barceló, Not titled yet, 2018 © Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Miquel Barcelo, 2018, Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Jaume Plensa, Les trois Alchimistes, 2018. © Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Bruce Nauman, One Hundred Fish Fountain, 2005. © Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
Alexandre Vhils, 2018, Fondation Carmignac - Credits: Ph. Marc Domage
News
Come sarà la cucina del futuro?
News
Torna The Big Draw, il festival del disegno
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli
Riconsiderare il ruolo dell

Riconsiderare il ruolo dell'arte: Azulik Uh May

Nella giungla della penisola dello Yucatan, è nato uno spazio espositivo la cui architettura è stata modellata attorno agli alberi. Un luogo che invita a ribaltare gli schemi mentali, in tutti i campi