L'edificio Art Decò che ospita il Green Rooms Hotel - Credits: Green Rooms
Places

Green Rooms: a Londra il primo hotel per artisti

Green Rooms è il primo hotel del Regno Unito che offre sistemazioni confortevoli a prezzi accessibili a persone che lavorano nel campo dell’arte, del design e della creatività.

Situato in Wood Green, vivace quartiere della capitale londinese, a soli venti minuti di metro dal centro, Green Rooms Hotel ha ventidue stanze a disposizione di creativi e performer che visitano Londra.

Ospitato in un edificio Art Decò del 1934, da decenni in disuso, l’hotel nasce da un’importante progetto di ristrutturazione e di riqualificazione urbana realizzato dalla collaborazione di più architetti e designer.

La ristrutturazione è stata realizzata dallo studio di architettura SODA che ha riadattato il vecchio edificio trasformandolo in un albergo confortevole, mentre l’interior design è stato curato da Kurt Bredenbeck, co-fondatore di Green Rooms, e dal produttore di teatro Mandeep Tutt.

La riconversione degli spazi è avvenuta da un lato nel pieno rispetto dell’architettura originale, dall’altro in nome di un design flessibile per permettere alle persone di avere a disposizione ampi spazi per alloggiare e lavorare. Sono stati conservati molti dei dettagli originali come i pavimenti in parquet, le piastrelle di mosaico blu e bianco in bagno e i soffitti in teak nella ex area del magazzino su cui si sono stati inseriti mobili e dettagli più contemporanei.

Il primo piano comprende un’ampia area pubblica che verrà utilizzata come incubatore culinario per talentuosi chef o per giovani imprenditori nel campo della ristorazione e una grande sala espositiva che offre un programma mensile di eventi per il quartiere, curato dagli artisti e performer che soggiornano in albergo.

Non spartano come un ostello ma neanche costoso come un albergo di alta categoria, il Green Rooms offre un giusto compromesso per soggiornare in maniera confortevole nella capitale inglese. Oltre alle camere, a disposizione degli ospiti, ci sono anche un bar, un ristorante e uno spazio espositivo per mostre e spettacoli.

Green Rooms - salotto - Credits: Green Rooms
Green Rooms - dettagli - Credits: Green Rooms
La camera matrimoniale - Credits: Green Rooms
Camera per gli ospiti - dettagli - Credits: Green Rooms
Green Rooms Hotel - sala comune - Credits: Green Rooms
Storytelling
Ripensare il mondo: il design riscopre la sua vocazione sociale
Places
Distilleria Nardini: se la grappa incontra l'arte e l'architettura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi