Identità Golose Milano - Credits: Ph. Filippo Molena
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Places

Identità Golose Milano, una nuova meta gastronomica


In pieno centro, a due passi da piazza della Scala e dal quadrilatero della moda, ha aperto i battenti Identità Golose Milano, una nuova destinazione da segnare in agenda che va adarricchire l'offerta gastronomica meneghina.

Identità Golose Milano si trova in via Romagnosi 3, indirizzo che per mezzo secolo ha ospitato la sede della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Per completare il progetto, avviato a ottobre 2015, ci sono voluti tre anni: anno in cui si concludeva l'iniziativa del temporary restaurant Identità Expo, che ha visto la partecipazione di più di 200 chef e oltre 56mila visitatori.

«In questi tre anni abbiamo continuato a lavorare sviluppando iniziative in Italia e all’estero – Londra, New York, Chicago, Boston – e ci siamo resi conto che la dimensione cominciava a starci stretta. L’esperienza straordinaria di Expo, ci ha suggerito la possibilità di creare un nuovo palcoscenico dove esprimere contenuti tutto l'anno», raccontano Paolo Marchi e Claudio Ceroni, fondatori di Identità Golose, il congresso internazionale che da 15 anni racconta, in Italia e nel mondo, l’evoluzione della grande cucina e della pasticceria d’autore.

Lo spazio, aperto tutti i giorni, a pranzo e a cena, è concepito per accogliere iniziative dedicate alla ristorazione, una nuova meta che ospita un'ampia area eventi oltre a uno spazio dedicato alla ristorazione ma anche alla didattica e alla divulgazione. I protagonisti? Tra i tanti Massimo Bottura, Andrea Berton, Carlo Cracco e Davide Oldani.

Gli interni sono curati e contrassegnati da arredi firmati da brand nostrani e internazionali. Tra questi figurano partner come Cappellini, Davide Groppi, Berto’s, Valcucine, Caraiba, MCube, CVM Samsung, Goeldlin, Winterhalter, Moretti Forni.

Tra gli spazi di Identità Golose Milano spicca la Glicine Room, un’area degustazione all’aperto per circa 50 coperti sovrastata da un glicine secolare, naturale continuazione dell’area ristorante che si affaccia sul luminoso cortile aperto. Qui sorge la Stanza del Sole Gibus grazie all’installazione di 4 pergole bioclimatiche MED TWIST. Le vetrate scorrevoli Glisse completano il progetto e omaggiano il tipico giardino interno milanese, riparando i commensali dal vento e dall’abbassamento delle temperature.

Storytelling
Patrick Norguet: "Mi rifiuto di avere uno stile"
News
Icon Design di dicembre è in edicola
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Una riflessione sul paesaggio marchigiano

Ad Ancona, una mostra per raccontare il paesaggio storico, umano e naturale sconvolto dal sisma del 2016. Protagonisti Olivo Barbieri, Paola De Pietri e Petra Noordkamp
Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo


Per il suo debutto con Flos, il designer giapponese Oki Sato ha disegnato un frame che inquadra, seleziona e illumina i paesaggi domestici
Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

Sarà una delle destinazioni must dell'anno nuovo. Come Capitale Europea della Cultura, Matera si prepara ad accogliere un caleidoscopio di eventi. Ecco dove iniziare a prenotare
Una finestra sul lago di Como

Una finestra sul lago di Como

Siamo nella villa dove Gino Sarfatti trascorse gli ultimi anni di vita. E dove i suoi discendenti oggi passano i loro momenti di relax circondati dal design luminoso di cui fu protagonista assoluto
L’universo Olivetti in mostra a Torino

L’universo Olivetti in mostra a Torino

Una selezione di 70 scatti d’autore per conoscere la storia di Olivetti: da Ugo Mulas ad Alberto Fioravanti, da Giorgio Colombo a Tim Street-Porter. Fino al prossimo 24 febbraio