Identità Golose Milano - Credits: Ph. Filippo Molena
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Identità Golose Milano
Places

Identità Golose Milano, una nuova meta gastronomica


In pieno centro, a due passi da piazza della Scala e dal quadrilatero della moda, ha aperto i battenti Identità Golose Milano, una nuova destinazione da segnare in agenda che va adarricchire l'offerta gastronomica meneghina.

Identità Golose Milano si trova in via Romagnosi 3, indirizzo che per mezzo secolo ha ospitato la sede della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Per completare il progetto, avviato a ottobre 2015, ci sono voluti tre anni: anno in cui si concludeva l'iniziativa del temporary restaurant Identità Expo, che ha visto la partecipazione di più di 200 chef e oltre 56mila visitatori.

«In questi tre anni abbiamo continuato a lavorare sviluppando iniziative in Italia e all’estero – Londra, New York, Chicago, Boston – e ci siamo resi conto che la dimensione cominciava a starci stretta. L’esperienza straordinaria di Expo, ci ha suggerito la possibilità di creare un nuovo palcoscenico dove esprimere contenuti tutto l'anno», raccontano Paolo Marchi e Claudio Ceroni, fondatori di Identità Golose, il congresso internazionale che da 15 anni racconta, in Italia e nel mondo, l’evoluzione della grande cucina e della pasticceria d’autore.

Lo spazio, aperto tutti i giorni, a pranzo e a cena, è concepito per accogliere iniziative dedicate alla ristorazione, una nuova meta che ospita un'ampia area eventi oltre a uno spazio dedicato alla ristorazione ma anche alla didattica e alla divulgazione. I protagonisti? Tra i tanti Massimo Bottura, Andrea Berton, Carlo Cracco e Davide Oldani.

Gli interni sono curati e contrassegnati da arredi firmati da brand nostrani e internazionali. Tra questi figurano partner come Cappellini, Davide Groppi, Berto’s, Valcucine, Caraiba, MCube, CVM Samsung, Goeldlin, Winterhalter, Moretti Forni.

Tra gli spazi di Identità Golose Milano spicca la Glicine Room, un’area degustazione all’aperto per circa 50 coperti sovrastata da un glicine secolare, naturale continuazione dell’area ristorante che si affaccia sul luminoso cortile aperto. Qui sorge la Stanza del Sole Gibus grazie all’installazione di 4 pergole bioclimatiche MED TWIST. Le vetrate scorrevoli Glisse completano il progetto e omaggiano il tipico giardino interno milanese, riparando i commensali dal vento e dall’abbassamento delle temperature.

Storytelling
Patrick Norguet: "Mi rifiuto di avere uno stile"
News
Icon Design di dicembre è in edicola
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento