Ristorante Musling - Credits: Joachim Wichmann
Places

LouLou e Musling: due nuovi ristoranti nel cuore di Copenhagen

Mariacristina Ferraioli

Lo studio di architettura e interior design Space Copenhagen firma due nuovi ristoranti di design nella capitale danese: Musling e Loulou.

Fondato nel 2004 da due architetti, Signe Bindslev Henriksen e Peter Bundgaard Rützou, Space Copenhagen è uno studio di design che lavora mixando diverse discipline: dalla progettazione d'interni per case, alberghi e ristoranti alle installazioni d'arte fino alla produzione di mobili ed oggetti raffinati.

Per Musling e Loulou, lo studio danese ha realizzato due progetti diversi accomunati da un approccio innovativo ed attento nei materiali e nell’atmosfera. Nel rispetto della tradizione culinaria di Copenhagen, città da anni in cima alle classifiche internazionali per il numero di ristoranti stellati e per lo stile ricercato della sua cucina, il duo di designer ha progettato due ristoranti apparentemente antitetici ma estremamente sofisticati.  

Nel ristorante Loulou lo studio danese ha voluto prendere le distanze dal design freddo e minimalista tipico del Nord Europa per dar vita ad uno spazio "sognante" e seducente che ricordasse negli arredi e nei colori l’atmosfera avvolgente di un ristorante di altri tempi. Pareti dipinte in toni morbidi e caldi contrastano con il blu scuro dei divani in velluto e con le particolari installazioni a specchio che dominano l’ambiente. Nato dalla collaborazione con acclamato chef Bo Bech, LouLou sta rapidamente diventando un punto culminante della scena del ristorante della capitale danese.

Il ristorante Musling è un progetto di Space Copenhagen con Anders Bagge Selmer e Algreen. Caratterizzato da un menù sostenibile di pesce e prodotti tipici, tra cui ostriche, verdure locali e vini naturali, il ristorante si affaccia sulla piazza del mercato di Torvehallerne. Per il design degli interni, lo studio ha lavorato con un approccio sobrio nei materiali e nell'ambiente, creando uno spazio che riflette l’anima degli ambienti esterni e del mercato. Il ristorante è caratterizzato da tinte tenui, superfici naturali e luci soffuse. Al centro del locale un lungo bancone da bar, tavoli alti e sgabelli progettati dallo stesso duo di designer di Space Copenhagen.

Ristorante LouLou - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante LouLou - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante LouLou - dettaglio - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante LouLou - dettaglio - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante LouLou - dettaglio - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante Musling - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante Musling - bar - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante Musling - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante Musling - Credits: Joachim Wichmann
Ristorante Musling - Credits: Joachim Wichmann
Products
Le nuove sedie impilabili di Fritz Hansen
Storytelling
Massimo Lunardon, alchimista del vetro e sperimentatore no limits
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi