Louvre Abu Dhabi - esterni - Credits: © Louvre Abu Dhabi, Photography: Mohamed Somji
Places

Dove arte e religioni si incontrano: apre il Louvre di Abu Dhabi

Ci siamo. Dopo dieci anni di lavori e cinque di ritardi, il Louvre di Abu Dhabi è pronto all'inaugurazione.

L'11 novembre, al termine della rassegna d'arte contemporanea Abu Dhabi Art, si spalancheranno le porte del nuovo polo museale disegnato dall'architetto francese Jean Nouvel, vincitore del Pritzker Price nel 2008. È stato lui a delineare un progetto dalla portata monumentale - più che di museo si parla di cittadella dell'arte - che trae ispirazione dalle particolarità del territorio, dalle sue medine e dall'architettura araba, e che si propone come luogo d'incontro tra le culture del mondo.

Ma passiamo ai numeri (e ai fatti). Il complesso sorge sull'isolotto artificiale Saadiyat, si estende su una superficie di 8.600 mq e si compone di 55 edifici e di 23 gallerie. Caratteristica più affascinante del progetto è sicuramente la cupola, che con i suoi 180 metri di diametro e i suoi otto diversi strati - quattro rivestiti in acciaio e quattro in alluminio, separati da un telaio costituito da 10.000 elementi - filtra i raggi del sole dando vita a una danza luminosa, a una "pioggia di luce" che dialoga con il mare e con il bianco degli edifici. L'idea è quella di replicare i giochi di luce e ombre creati dalle fronde delle palme nelle oasi arabe. Di notte, l'effetto è quello del planetario: alzando gli occhi verso la cupola sembrerà di vedere 7.850 stelle luminose.

Se l'architettura è un omaggio alle tradizioni del luogo, tutt'altro che locale sarà la programmazione del museo. La sua chiara vocazione internazionale è ribadita dalla collezione permanente come dalle opere prese in prestito da 13 musei francesi. Il risultato è un percorso attraverso la storia dell'umanità, che ripercorre l'evoluzione dell'uomo attraverso il suo rapporto con l'arte e con la religione. «Il Louvre di Abu Dhabi riflette la nostra convinzione che le nazioni prosperino proprio grazie alla diversità e all'accettazione», ha commentato Mohamed Khalifa Al Mubarak, Presidente dell'Abu Dhabi Tourism & Culture Authority.

A fare da fil rouge tra le opere della collezione permanente saranno proprio le analogie della rappresentazione artistica nelle più diverse aree geografiche del mondo. Dalla Principessa Bactrian, realizzata in Asia alla fine del 3° millennio a.C., fino al sarcofago della Principessa Henuttawy e alla moneta Decadrachm di Siracusa, verranno esplorate le similarità tra popoli e culture. Di grande rilevanza la sezione dedicata alle religioni con l'esposizione di libri sacri come la Bibbia Gotica, una foglia del Corano Blu, una Torah, oltre ad alcuni testi del buddhismo e del taoismo. Lo sguardo si estende fino alla modernità con opere di Manet, Gauguin e Piet Mondrian.

Tra le opere provenienti dai musei francesi, svettano La Belle Ferronnière di Leonardo da Vinci e il celebre autoritratto di Van Gogh, mentre ad arricchire gli spazi esterni saranno invece le installazioni site specific commissionate ad artisti internazionali: si parte con Giuseppe Penone e l'artista americana Jenny Holzer. Completa la cittadella un museo dedicato ai bambini nonché un auditorium, ristoranti, bar e negozi.

L'inaugurazione del museo verrà festeggiata con una settimana di eventi, performance e manifestazioni culturali.

Louvre Abu Dhabi - esterni - Credits: © Louvre Abu Dhabi, Photography: Mohamed Somji
Louvre Abu Dhabi - esterni - Credits: © Louvre Abu Dhabi, Photography: Mohamed Somji
Louvre Abu Dhabi - esterni notte - Credits: © Louvre Abu Dhabi, Photography: Mohamed Somji
Standing Bodhisattva (Maitreya ?) - Asia, 2nd-3rd - AD - Schist - Credits: © Louvre Abu Dhabi / Thierry Ollivier
Osman Hamdy Bey - Istanbul-Turquie, 1842 - Istanbul, Turquie, 1910 - A Young Emir Studying - Credits: © Louvre Abu Dhabi / Agence Photo F
René Magritte - Lessines, 1898 - Bruxelles, 1967 - The Subjugated Reader - Credits: © ADAGP, Paris 2016 © Louvre Abu Dhabi / Agence Photo F
Attributed to Orazio Scoppa - Mother-of -pearl ewer - Gujarat, India, c. 1640 - Credits: © Louvre Abu Dhabi / Agence Photo F
Places
Una casa a forma di casa, in Portogallo
Products
Bowers & Wilkins PX, cuffie wireless con tecnologia noise cancelling
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi