Credits: Lume
Credits: Lume
Credits: Lume
Credits: Lume
Credits: Lume
Credits: Lume
Places

Luigi Taglienti e il nuovo ristorante Lume a Milano

Negli spazi della ex fabbrica di porcellane Richard Ginori ha aperto i battenti Lume, il nuovo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti.

Lume nasce sul Naviglio Grande ed è parte di W37, una realtà polifunzionale che comprende abitazioni, uffici e spazi per eventi. 

Dopo aver guidato la cucina del ristorante Trussardi alla Scala, Luigi Taglienti si tuffa in questa nuova avventura: «Riparto da me: la cucina avrà una solida base ancorata alla tecnica, all’esperienza e alla mia storia professionale. Una cucina chiaramente leggibile, che possa parlare anche a una clientela straniera abituata ad alti standard di ristorazione, ma che al tempo stesso ricerca la grammatica e gli archetipi della cucina italiana».

Il ristorante nasce su progetto dell’architetto Monica Melotti, chief design officer di MB America. E come suggerisce il nome, vera protagonista è la luce. Le ampie vetrate che si affacciano sul giardino consentono alla luce naturale di inondare gli spazi contraddistinti da tonalità bianche e calde.

Altro elemento chiave è sicuramente la cucina a vista, un corpo di grande impatto racchiuso in un cubo di vetro rivestito da decori ricamati: la maestria dei cuochi all’opera diventa un vero spettacolo.

Con i suoi 40 coperti articolati su due sale, Lume propone una cucina di ricerca e sperimentazione, che unisce conoscenza del classico e contemporaneità con un forte legame al territorio, accompagnata da una grande attenzione per le materie prime.

E per non farsi mancare nulla, data la presenza degli appartamenti di W37, su richiesta, è anche possibile pernottare all’interno della struttura.

Places
Renzo Piano: vele colorate per Fabrizio De André
Products
Lettini da giardino per un'estate di relax
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento