Lumen - Museum of Mountain Photography
Lumen - Museum of Mountain Photography
Lumen - Museum of Mountain Photography
Lumen - Museum of Mountain Photography
Lumen - Museum of Mountain Photography
Lumen - Museum of Mountain Photography
Places

Lumen, un museo di fotografia in alta quota

Plan de Corones, Alto Adige, 2265 metri di altitudine. Da ex stazione della funivia a museo di fotografia. In due parole è questa la storia di Lumen - Museum of Mountain Photography, 1800 metri quadrati dedicati alla fotografia di montagna con vista sulle Dolomiti, sotto la direzione artistica di Thina Adams.

Lumen nasce su progetto dell’architetto Gerhard Mahlknecht, con l’allestimento delle mostre realizzato da Giò Forma e dal gruppo di lavoro formato da Beat Gugger, Martin Kofler, Richard Piock e Manfred Schweigkofler. È uno spazio espositivo disposto su quattro piani, equipaggiato con sala per seminari, conferenze ed eventi che può accogliere un massimo di 200 persone. Dove un tempo sorgeva l’ingresso della vecchia funivia oggi c'è una grande parete vetrata circolare con vista panoramica, che all’occorrenza si chiude per diventare uno schermo di proiezione per film a tema montagna, naturalmente.

Il programma curatoriale del museo si può definire interdisciplinare: spazia dall’alpinismo al turismo alla politica, passando per spiritualità e storia. Reinhold Messner è protagonista della mostra permanente Messner meets Messner by Durst, nonché partner del museo insieme a Red Bull Illume. La Sala degli Specchi mette in mostra un’analisi artistica e poetica dell'atmosfera specifica delle montagne, mentre il Wall of Fame omaggia i primi fotografi alpinisti, tra gli altri i fratelli Bisson, Joseph Tairraz, Bernhard Johannes, Jules Beck e Vittorio Sella. Infine la Wunderkammer accoglie una selezione di oggetti rari provenienti dal mondo della fotografia di montagna.

Altra cosa da sapere, degna di nota per gli appassionati della buona cucina, è la presenza di AlpiNN, ristorante guidato da Norbert Niederkofler che propone un viaggio tra i sapori della gastronomia alpina. Qui lo chef Marco Perez confeziona piatti a base di materie prime locali e ingredienti semplici, secondo la formula stagionalità e regionalità.

La programmazione di Lumen va di pari passo con il calendario dell’impianto di Plan de Corones: sarà visitabile fino al prossimo 22 aprile per poi riaprire durante la stagione estiva con un nuovo allestimento realizzato con la collaborazione di National Geographic.

News
70 anni di Diadora in mostra a Firenze

News
Un’asta di design alla Triennale
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata