Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Places

M89 Hotel, una nuova destinazione business a Milano

Dna industriale e un tocco di contemporaneità. Il nuovo M89 Hotel di Milano si affaccia sui capannoni che un secolo fa ospitavano una delle più grandi realtà dell’aviazione e che ospitano la sede di Gucci Hub, il nuovo headquarter della casa di moda fiorentina firmato Piuarch inaugurato lo scorso settembre. A pochi mesi di distanza, lo studio milanese è tornato a lavorare sull’area progettando una nuova struttura ricettiva dedicata al business in equilibrio con l'architettura preesistente, rafforzando l’identità del distretto.

Gli esterni di M89 Hotel evocano la sagoma dei capannoni: il piano terra è caratterizzato da un’ampia vetrata schermata da una griglia metallica, mentre il tetto riprende il sistema a shed di matrice industriale che arretra e lascia spazio a una terrazza delimitata da vetrate a tutta altezza dove trova spazio il ristorante panoramico affacciato sulla città.

Gli interni rispecchiando il gusto essenziale degli esterni attraverso una palette colore che va dal grigio antracite al bianco e al verde. Qui trovano spazio elementi di arredo contemporanei mescolati a icone anni Cinquanta e stampe che riproducono il patrimonio architettonico della fabbrica ex Caproni.

«Non c’è nulla di superfluo e la decorazione è assicurata dall'accostamento dei materiali e dalla funzionalità distributiva, per un progetto che crea una corrispondenza tra interno ed esterno e che assegna al coronamento e alla sua sagoma sfaccettata il vero ruolo di protagonista dell’intervento», spiega lo studio milanese.

Dal primo al quinto piano sono distribuite le 50 stanze e le 5 suite, al cui interno viene invertita la disposizione dei colori scelta per le aree pubbliche: le pareti sono ora intonacate di bianco e il soffitto è invece antracite. Dotate rispettivamente di una superficie di 24 mq e 42 mq, le camere si differenziano nelle finiture, maggiormente curate nelle suite che risultano impreziosite da un pavimento in parquet di rovere e da boiserie in essenza di noce.

News
Il Festival del Paesaggio di Anacapri
Places
Ristoranti a Copenhagen: gli indirizzi di design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi