Places

Marrakech: gli indirizzi tra arte e design

A detta di galleristi, designer e artisti provenienti da tutto il mondo, Marrakech è una delle mete più calde dell'intero continente africano. E per rendersene conto basta visitare gli spazi dove scorre la creatività locale, perdendosi tra showroom, gallerie d'arte contemporanea, concept store e atelier.

Da qualche anno a questa parte, infatti, Marrakech è al centro di una trasformazione rapidissima che la rende sempre più appetibile agli occhi dei creativi e dei collezionisti d'arte. Qui si viene per trovare spazio per idee e progetti, per scovare nuovi talenti e per dare avvio a piccole attività in collaborazione con artigiani locali. La città si riempie di luoghi dedicati all'arte e al design estendendo i propri confini e allargandosi alle zone periferiche, dove spazi ex industriali diventano gallerie e negozi.

Occasione per scoprire il fermento artistico della città è stata la fiera 1-54 Contemporary African Art Fair, la più importante rassegna di arte contemporanea africana del mondo tenutasi proprio a Marrakech dal 21 al 24 febbraio presso l'hotel La Mamounia. Attraverso un programma collaterale di mostre, eventi e performance, la fiera ha reso possibile la scoperta di una Marrakech in piena esplosione creativa.

Il risultato è un decalogo di indirizzi in bilico tra arte, moda, cultura locale e design da non perdere se si passa in città.

MACAAL

Museum of African Contemporary Art Al Maaden
Installation view of Material Insanity. Museum of African Contemporary Art Al Maaden, 26 February - 22 September 2019. - Credits: Foto: © Saad Alami
Installation view of Material Insanity. Museum of African Contemporary Art Al Maaden, 26 February - 22 September 2019. - Credits: Foto: © Saad Alami
Installation view of Material Insanity. Museum of African Contemporary Art Al Maaden, 26 February - 22 September 2019. - Credits: Foto: © Saad Alami

Dedicato alla promozione dell'arte contemporanea africana, il Museum of African Contemporary Art Al Maaden è un museo indipendente e no-profit nato dall'iniziativa del collezionista d'arte Alami Lazraq e di suo figlio Othman Lazraq. Istituzione unica nel suo genere a Marrakech e in tutta la regione del nordafrica, offre una panoramica degli artisti più interessanti di vari Paesi dell'Africa grazie a una collezione permanente e a mostre temporanee, eventi e incontri dedicati a un pubblico internazionale. Attualmente è in scena Material Insanity (fino al 22 settembre 2019), mostra collettiva che raccoglie i lavori di trenta artisti del continente, indagando le loro sperimentazioni con la materia.

  • Dove: Al Maaden, Sidi Youssef Ben Ali, 40000 Marrakech

Montresso Art Foundation

Montresso Art Foundation - Credits: Foto: ©Cyril Boixel
Installation view In-Discipline, 2019
Tour JonOne Rabat, 2018 - Credits: Copyright: Gwen Le Bras
Installation view In-Discipline, 2019

Nata nel 1981 dalla volontà del pianista e collezionista d'arte francese Jean-Louis Haguenauer, la fondazione Montresso Art Foundation è diventata negli anni un punto di riferimento per la scena artistica marocchina ma non solo. Dal 2009, la fondazione offre infatti Jardin Rouge, uno spazio immerso tra gli ulivi dedicato alle residenze artistiche internazionali a circa venti chilometri da Marrakech, mentre nel 2016 ha fondato il Montresso Art Space, dove vengono organizzate mostre collettive che promuovono l'incontro tra discipline artistiche, culture e linguaggi espressivi. «In un'epoca in cui la globalizzazione sta schiacciando e uniformando le culture, ricevere artisti dotati di talenti diversi e provenienti da vari Paesi del mondo, è un messaggio di speranza. Non importa da dove veniamo, tutto è possibile quando a muoverci è la passione per quello che facciamo», ha commentato Jean-Louis Haguenauer.

  • Dove: l'indizzo di Jardin Rouge e Montresso Art Space sono privati. Per visitarli è necessario mandare una email a [email protected]
La facciata del museo di Marrakech

Insieme ai Jardin Majorelle è la tappa obbligata di ogni visita che si rispetti di Marrakech. Inaugurato nel 2017 e progettato dallo Studio KO, il Musée Yves Saint Laurent celebra il lascito del celebre couturier francese ospitando una mostra permanente dedicata alle sue creazioni, alla sua vita e al suo amore per Marrakech, oltre a uno spazio dedicato alle mostre temporanee, un auditorium che ospita proiezioni, talk e documentari, e un bookstore.

  • Dove: Rue Yves St Laurent, Marrakech 40000, Marocco

Voice Gallery

Moataz Nasr - Mind the gap - Voice gallery new location
Voice gallery new location - Credits: photo: Alessio Mei
Voice project - Soukaina Aziz El Idrissi
Voice project - Oli Bonzanigo

Fondata nel 2011 dall'italiano Rocco Orlacchio, Voice Gallery si è data l'obiettivo di dare "voce" (come suggerisce il nome) agli artisti emergenti locali e internazionali attraverso un palinsensto di mostre e presentazioni. «Il Maghreb sta vivendo rivoluzioni molto importanti e, come ha detto Beuys, "quando parlo di rivoluzione intendo trasformazione, trasformazione della vita di tutti gli uomini" ed è questo il contesto all'interno del quale l'arte può esprimersi nei suoi aspetti più interessanti. Il Marocco di oggi è un paese fertile per l'arte, che ha il coraggio di uscire dagli stereotipi orientalisti ancora presenti nell'arte araba», ha spiegato Rocco Orlacchio. Da fine febbraio, poi, Voice Gallery ha aperto un nuovo spazio nella zona industriale di Marrakech, un luogo ancora più fluido e libero, una project room dedicata alla sperimentazione e alle nuove voci dell'arte contemporanea.

  • Dove: 366, Zone industriel sidi ghanem، Marrakesh 40000, Marocco

Maison ARTC

Beautiful sadness collection, made in Ethiopia, African hub - Credits: photo: Mous Lamrabat
Beautiful sadness collection, made in Ethiopia, African hub - Credits: photo: Mous Lamrabat.
Beautiful sadness collection, made in Ethiopia, African hub - Credits: photo: Mous Lamrabat.

Fondato da Artsi Ifrach, stilista nato a Gerusalemme ma di origini marocchine, Maison ArtC è un brand che reinterpreta alcuni degli abiti tradizionali del mondo arabo impregnandoli di citazioni contemporanee. Realizzati con tessuti vintage creati a mano, più che abiti, quelli di Artsi Ifrach sono opere d'arte. «Credo che la moda sia un tipo di arte che racconta qualcosa di noi, facendo incontrare culture e individualità. I miei abiti anscono semplicemente dall'istinto, sono un autodidatta e disegno in completa libertà. Attraverso le mie creazioni voglio creare memorie che regalano emozioni», ha raccontato Ifrach. Lo showroom di Marrakech è un'immersione nel suo universo creativo, un paradiso di stoffe, colori, fantasie e, per l'appunto, memorie.

  • Dove: 96 Rue Mohammed el Beqal, Marrakech 40000, Marocco

Max & Jan

Max & Jan
Max & Jan
Max & Jan
Max & Jan

Il brand marocchino Max & Jan, creato dal duo belga-svizzero formato da Jan Pauwels e Maximilian Scharl, ha aperto nel 2018 un concept store nella Medina di Marrakech. Sviluppato su una superficie di 1200 mq e situato in un suggestivo cortile decorato con tappeti e piante di banano, il negozio presenta, oltre agli abiti del brand, una selezione di design, profumeria, oggettistica e accessori in stile ethnic chic. Sulla terrazza, poi, è stato aperto un bistrot-caffé dall'atmosfera rilassata e gipsy, dove fermarsi per un tè112222 alla menta o per un pranzo a base di specialità marocchine e internazionali.

  • Dove: 6 derb sinco, 40000 Marrakech, Morocco

Dar Darma Riad

Dar Darma - La piscina sul tetto
Dar Darma - il cortile
Dar Darma - gli spazi comuni
Dar Darma - il cortile
Dar Darma - una delle suite

Nel cuore della Medina, un luogo sospeso nel tempo in cui immergersi nella cultura locale. Situato in un edificio risalente al XVIII secolo, il riad Dar Darma è stato ristrutturato mantenendo intatta l'atmosfera del tempo: le quattro suite (due Patio suite, la suite degli Specchi e la Orange suite) e i due appartamenti (Blu e Rosso) sono caratterizzati da soffitti intarsiati, divani in pelle, tappeti berberi, lampade in ottone e vasi decorati da artigiani locali. Gli spazi comuni si compongono di zone dedicate al relax, alla lettura e ai pasti, con cortili ombreggiati in cui trovare frescura tra le piante, una terrazza con piscina dove viene servita la colazione, e una sala con camino. Per completare l'esperienza marocchina poi, il riad offre delle cooking class insieme alla chef Maria.

  • Dove: Derb Tarik Sidi Bouharba, Marrakesh 40000, Marocco

LRNCE

Lo showroom LRNCE
Lo showroom LRNCE

Ceramiche, soprabiti, copriletti, sandali, borse, tappeti e arazzi per le pareti. Lo showroom LRNCE è un'esplosione di creatività. Ispirato alle estetiche e ai rituali delle popolazioni africane, LRNCE nasce dall'idea della designer belga Laurence Leenaert e dall'expertise di artigiani marocchini. Il loro incontro dà vita a creazioni uniche, rigorosamente realizzate a mano, percorse da pattern giocosi e colorati. Il tutto, declinato in una palette cromatica che spazia dai toni romantici del beige e il rosa al blu elettrico. Lo spazio si trova fuori dalla Medina, a nord di Marrakech: un'occasione per uscire dai soliti giri e scoprire un volto inedito della città.

  • Dove: 59، Marrakesh 40000, Marocco.

El Fenn Riad

El Fenn - Gallery - Credits: Foto: ©David Loftus, courtesy of El Fenn
El Fenn - Boutique - Credits: Foto: © Kasia Gatkowska, courtesy El Fenn
El Fenn - una delle stanze - Credits: Foto: © Kasia Gatkowska, courtesy El Fenn
El Fenn - piscina - Credits: Courtesy of El Fenn

Un riad, una boutique, un ristorante, una spa e una galleria d'arte: è quello che offre El Fenn, boutique hotel nato dall'iniziativa dall'imprenditrice inglese Vanessa Branson, collezionista d'arte e fondatrice della Marrakech Biennale. Composto da 23 stanze, di cui due suite, e da una residenza adiacente di cinque stanze, El Fenn offre innumerevoli spazi incantati in cui trovare rifugio dal caos della Medina: cortili ombraggiati, una zona piscina, angoli dedicati al relax, una terrazza di 650 mq con vista spettacolare sulla città e sulla moschea Koutoubia. Sparse per gli ambienti comuni, poi, sono appene le opere d'arte della collezione di Vanessa Branson. Per gli appassionati di moda e design c'è poi la boutique dell'hotel, che offre una selezione raffinatissima di abiti, oggetti, beauty e profumeria.

  • Dove: Derb Moulay Abdullah Ben Hezzian, 2, Marrakesh 40000, Marocco.

Kulchi

Kulchi showroom
Kulchi showroom
Kulchi showroom

L'indirizzo giusto per chi è a caccia di tappeti berberi: fondato dalla designer australiana Cassandra Karinsky, Kulchi è un brand nato dalla collaborazione con Bazar du Sud, famiglia marocchina che produce tappeti da circa sessant'anni a Marrakech. Presso lo showroom del marchio, situato nella Medina accanto al mercato delle spezie, è possibile trovare, oltre a tappeti vintage, le nuove collezioni disegnate e prodotte in Marocco nella zona della catena montuosa del Grande Atlante. Grazie alle collaborazioni con vari designer e creativi, Kulchi realizza anche tappeti su ordinazione, totalmente personalizzabili.

  • Dove: 60 Rahba derb Nkhal, Marrakech, Marocco