Uno scorcio di Matera
Places

Matera 2019: cinque luoghi suggestivi in cui soggiornare

C'è da chiedersi cosa direbbe Carlo Levi vedesse Matera oggi. Lui, che con il suo libro Cristo si è fermato a Eboli fu il principale propulsore della sua (lenta) rinascita, forse non crederebbe ai suoi occhi. A più di settant'anni da quel celebre discorso di Palmiro Togliatti che la definì “vergogna nazionale” e dal conseguente sfollamento dei Sassi, Matera è pronta per il suo definitivo riscatto. E a gennaio, verrà ufficialmente presentato il programma di Matera Capitale della Cultura. Per tutto il 2019, ogni angolo della città sarà animato da mostre, eventi, progetti culturali, performance. Una vera e propria festa della cultura, ma soprattutto una festa della città. Che si scrolla di dosso il passato per ripartire dall'arte e dalla cultura. Nel 2019 tutti vorranno essere lì: vale la pena, dunque, iniziare a programmare il viaggio. Ecco cinque guesthouse da prenotare subito.

Sextantio

Sextantio - Albergo diffuso Le Grotte della Civita - Matera
Sextantio - Albergo diffuso Le Grotte della Civita - Matera
Suite - Sextantio - Albergo diffuso Le Grotte della Civita - Matera

Definito dal New York Times "la più straordinaria destinazione al mondo", Sextantio. Le Grotte della Civita è un Albergo Diffuso che fa seguito a un'attenta opera di restauro conservativo che si è svolta nel pieno rispetto del patrimonio culturale locale. Situato nella zona più estrema e antica dei Sassi, non potrebbe essere più suggestivo: le diciotto stanze dell'albergo sono situate direttamente nelle grotte e sono tutte arredate con mobili costruiti ad hoc e che richiamano la cultura del luogo. Entrare qui è come fare un salto nella storia. A esaltare maggiormente l'atmosfera sono poi le candele e le luci soffuse, mentre il design degli interni è pensato per fondersi completamente con l'ambiente circostante. Più che un semplice soggiorno, un'esperienza che consente di immergersi in modo unico nella cultura della città.

Credits: Ph. Pierangelo Laterza
Credits: Ph. Pierangelo Laterza
La Dimora di Metello, Matera - Credits: Ph. Pierangelo Laterza
Credits: Ph. Pierangelo Laterza

Nel cuore del Sasso Barisano, un bed and breakfast che si innesta nel contesto circostante rispettandone l'identità: La Dimora di Metello. Il nome della struttura è ispirato alla Torre Metellana, parte della cinta muraria degli antichi Rioni Sassi, e gli interni mantengono tutta l'atmosfera del passato. «L’intento progettuale è mirato alla definizione di un luogo capace di dialogare con il contesto e la tradizione, ma allo stesso tempo capace di stupire mostrando una nuova, rigorosa ed elegante bellezza lasciando il giusto spazio alla riscoperta degli elementi della tradizione», hanno spiegato gli architetti Marina e Alfredo Manca, fondatori di Studio Manca. Le camere e gli ambienti sono del tipo “a grotta” con soffitti alti fino a 450 centimetri caratterizzati da muri perimetrali in parte in tufo a vista e in parte intonacati. Un luogo semplicemente magico, in cui immergersi nella storia della città.

Aquatio

Aquatio
Aquatio
Aquatio

Nascosto tra i Sassi c'è Aquatio, un albergo diffuso che si snoda attraverso 36 unità abitative dislocate nel Rione Conche. Il progetto – supportato da Daikin - ha visto il recupero di svariate cisterne per la raccolta e la conservazione dell'acqua, trasformandole in camere, spazi di ristorazione e un centro benessere. Il quartiere, un tempo abbandonato al degrado, ha trovato così una nuova vita: a guidare il recupero architettonico del quartiere è stato l'elemento della goccia, che ha ispirato la definizione degli interni, la scelta degli arredi e la progettazione illuminotecnica. Riprende la silhouette della goccia anche la scultura di bronzo di Kengiro Azuma che accogli i visitatori in uno dei due ingressi principali della struttura.

Limen

Limen
Limen
Limen

In latino, Limen significa soglia, ingresso, confine. Ed è proprio attorno a questo concetto che ruota la guesthouse gestita dalla signora Paola. Situata al terzo piano di un palazzo costruito alla metà del secolo scorso sul versante sud dei Sassi di Matera, da qui la vista sulla Gravina e sui Sassi è semplicemente da mozzare il fiato. E poi ecco ancora il limen – l’altopiano carsico della Murgia, con i suoi insediamenti risalenti al Paleolitico. La scelta degli arredi – caldi e vintage – tratteggia un'atmosfera originale e d'antan: «ci siamo ispirati ad un’epoca importante e di passaggio – liminare - per la storia di Matera, la metà del XX secolo, ricostruendo, con la selezione di pezzi di design originali, un interno della nascente borghesia colta ed aperta al Mondo», ha raccontato Paola. Quattro camere, una diversa dall'altra ma tutte accomunate da nomi che evocano la natura mediterranea, offrono altrettante formule di comfort.

Le dimore dell'acqua

Le dimore dell'acqua
Le dimore dell'acqua
Le dimore dell'acqua

Nel centro storico di Matera, vicino p.zza Giovanni Pascoli, si trova Le dimore dell’acqua. La struttura ha sede all’interno di uno storico palazzo del 1870, situato alle porte dei Sassi. Qui il restauro dei pavimenti e delle volte ogivali ha recuperato l'antico splendore di questa residenza, dando vita a un luogo di charme in cui passato e presente si incontrano. Il merito è di arredi dal gusto contemporaneo che si sposano con elementi tradizionali come il tufo e la resina. Qui, ogni camera è un piccolo rifugio lontano dal mondo, in cui rilassarsi dopo una giornata alla scoperta dei mille gioielli nascosti della città.

Places
Una finestra sul lago di Como
Products
Gaku, la lampada di Flos firmata Nendo

You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata