Il nuovo Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Flora Bar - Credits: Met Breuer - Ph. Glen Allsop
Places

Flora Bar, il nuovo ristorante del Met Breuer di New York

Portato a termine nel 1966 dall'architetto ungherese Marcel Breuer, il Met Breuer di New York è una delle strutture brutaliste più celebri della città. Per anni sede del Whitney Museum, l'edificio è diventato parte del Met Museum nel marzo 2016, ospitando mostre dedicate all'arte moderna e contemporanea.

Oggi, l'edificio si arricchisce di un bar e di un ristorante con una peculiarità: quella di aver ricreato le stesse atmosfere immaginate da Breuer negli anni 60. Nascono così il Flora Bar e il Flora Coffee, rispettivamente ristorante e bar del museo, progettati dallo studio newyorkese Beyer Blinder Belle Architects.

Durante la progettazione dei nuovi spazi, gli architetti dello studio sono partiti dall'idea originaria di Breuer, utilizzando gli stessi materiali scelti nel 1966 - come il cemento, il bronzo e il calcare – e costruendo gli spazi come avrebbe fatto il progettista ungherese. Il risultato è uno spazio sospeso tra il passato e presente, che alterna elementi tipici dell'architettura di Marcel Breuer a dettagli dal twist contemporaneo.

Agli spazi rigorosi e brutalisti sono stati contrapposti arredi più morbidi e accoglienti, come le sedute in pelle, le poltroncine in tessuto e i tavoli in legno di quercia e marmo. I muri in cemento, lasciati volutamente spogli, lasciano spazio all'eleganza minimalista della zona bar. Le grandi vetrate contribuiscono poi a rendere luminosi gli ambienti, facendo dialogare la luce artificiale con quella naturale.

Infine, a firmare il menù è lo chef Ignacio Mattos, che insieme al ristoratore Thomas Carter è proprietario di altri due ristoranti in voga a New York: l’Estela e il Café Altro Paradiso.

Products
Le lampade da tavolo più belle del 2016
News
Il design nordico di MUUTO sbarca a Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento