Garage Museum of Contemporary Art
Places

Mosca: piccola guida ai luoghi di design

Mai così bella: a dirlo sono gli stessi moscoviti. E bastano pochi passi tra la Piazza Rossa, il Cremlino, il boulevard Tverskayae e Arbat, un tempo quartiere degli artisti e poeti, per scoprire una città in piena rinascita: sicura e piena di giovani, scoppia di nuovi locali, ristoranti e spazi dedicati all'arte e al design.

Merito dei mondiali di calcio di quest'anno che l'hanno resa ancora più viva, dicono alcuni, ma anche di grandi investimenti che hanno trasformato Mosca in una metropoli cosmopolita e attraente. Una città che ha più anime: c'è quella della City e della nuova elite finanziaria, quella dei quartieri emergenti come Red October, ex distretto industriale (dove un tempo si produceva l'omonima cioccolata) considerato la SoHo di Mosca, oppure dei sobborghi residenziali di lusso ubicati appena fuori la città, come Deauville e Trouville.

Terminati i giri turistici di rito, vale la pena allontanarsi dai sentieri battuti per immergersi nel fermento creativo della città: immancabile una visita al Garage Museum of Contemporary Art, progettato dallo studio OMA, e al Moscow Design Museum, ma anche all'Artplay Design Center, gigantesco hub dedicato all'architettura e al design, e al Moscow Contemporary Art Centre Winzavod.

Abbiamo selezionato alcuni musei, hotel, bar e ristoranti di design in cui osservare le trasformazioni di Mosca. Da segnare in agenda per il prossimo viaggio nella capitale.

Garage Museum of Contemporary Art

Garage Museum of Contemporary Art
Moving Away: The Internationalist Architect - Installation View
Moving Away: The Internationalist Architect - Installation View

Non dovrà sfuggire agli amanti dell'arte contemporanea e dell'architettura: il Garage Museum of Contemporary Art di Mosca è una delle mete obbligate per scoprire il volto della Mosca di oggi. Fondato nel 2008 da Dasha Zhukova e Roman Abramovich, dal 2015 ha sede all'interno del Gorky Park, in un edificio degli anni '60 (un tempo dimora del ristorante sovietico Vremena Goda, Seasons of the Year) completamente ripensato dallo studio OMA di Rem Koolhas. La collezione permanente è l'unico archivio pubblico legato allo sviluppo dell'arte contemporanea in Russia dagli anni '50 a oggi. Oltre alle esposizioni di arte contemporanea, design e architettura - da non perdere la mostra Bauhaus Imaginista. The internationalist Architect (fino al 30 novembre), progetto espositivo internazionale che rintraccia le influenze del Bauhaus nel mondo - il museo ospita incontri, conferenze, workshop e laboratori. Un vero must-see da non mancare.

  • Dove: 9/32 Krymsky Val st., 119049, Moscow.

Dizengof99

Dizengof99 - Credits: Courtesy of Crosby Studios
Dizengof99 - Credits: Courtesy of Crosby Studios
Dizengof99 - Credits: Courtesy of Crosby Studios

Non è sicuramente il luogo più adatto per assaggiare le specialità della cucina russa (qui il menù è israelita), ma vale la pena farci un salto: Dizengof99 è un omaggio al gruppo Memphis e alle opere di Ettore Sottsass. Fondato da Harry Nuriev and Dmitry Vorontsov - entrambi appassionati di design - e progettato da Crosby Studios, si trova in un piccolo edificio percorso dai celebri motivi del gruppo Memphis. Gli interni, invece, riprendono le atmsofere dei ristoranti di Tel Aviv e del celebre quartiere creativo Florentin. Qui si mangiano specialità della cucina israelita con variazioni fusion. Un luogo curioso in cui trascorrere una serata in compagnia.

  • Dove: 1-Y Goncharnyy Pereulok, Moscow

Standart Hotel Moscow

Credits: Courtesy of Design Hotels
Standart Hotel Moscow - Credits: Courtesy of Design Hotels
Standart Hotel Moscow - Credits: Courtesy of Design Hotels

Situato a ridosso del boulevard Tverskaya e della Piazza Pushkin, lo Standart Hotel di Mosca ha sede in un palazzo storico ridisegnato dall'architetto Pavel Andreev, celebre per aver riportato allo splendore il Teatro Bolshoi nel 2011. Il risultato è un imponente edificio Art Nouveau che accoglie ben 105 stanze, oltre alla terrazza panoramica, il ristorante Yura, la spa con sauna russa e il fitness center. Caratterizzato dalle atmosfere moderniste e dagli arredi di ispirazione retro-futurista, accoglie le opere dell'artista Stanislav Tratsevskiy. L'arredamento delle stanze - molte delle quali con vista panoramica su Piazza Pushkin - è firmato Etro.

  • Dove: Strastnoy Bul'var, 2, Moscow

Ruski

Ruski
Ruski

"Più in alto, solo l'amore". Così recitano le insegne del Ruski Restaurant, il ristorante più alto d'Europa e della Russia situato all'85esimo piano del grattacielo OKO della City di Mosca. Inutile dire che la vista sia mozzafiato: da qui si può osservare la città a 360°. Alle atmosfere raffinatissime del locale, arredato in stile minimalista con accenti nordici, si contrappone il menù dello chef Alexander Volkov-Medvedev. Un omaggio alla cucina tradizionale russa, con i sapori corposi dei suoi piatti tipici. Da non perdere le aringhe, i ravioli Pelmeni e le squisitezze del forno a legna della tradizione russa. All'interno del ristorante c'è anche un Ice Bar, in cui gustare dell'ottima vodka accompagnata da caviale e panna acida. Immancabile, poi, il giro in terrazza di notte.

  • Dove: 1st Krasnogvardejsky pr-d, 21 bld 2, 85th floor, EYE skyscraper, Moscow City.

Artplay Design Centre

Artplay Design Centre
Artplay Design Centre

Con una superficie di 75.000 mq, è una vera e propria cittadella della creatività: Artplay Design Centre è uno dei primi spazi cluster nel campo del design e dell'architettura a Mosca. Nato nel 2012, si trova all'interno di un ex complesso industriale a poca distanza dalla stazione della metropolitana Kurskaya / Chkalovskaya. La struttura accoglie oltre 300 studi di architettura e design, oltre a showroom, gallerie d'arte, una scuola di design, un cinema, una libreria, caffé e ristoranti. Qui si tengono costantemente mostre di arte contemporanea, festival di design e video arte, concerti, performance, proiezioni, letture e performance. L'indirizzo perfetto per scoprire la scena creativa della città.

  • Dove: Nizhnyaya Syromyatnicheskaya Ulitsa, 10, Moscow.

Ugolëk

Ugolek

Un po' ristorante, un po' club, Ugolëk è uno degli indirizzi più amati dalla scena hipster moscovita. Il merito è dell'atmosfera cool e della cucina creativa diretta dallo chef italiano Luigi Magni: il menù offre un'ampissima selezione di piatti tipici della cucina russa rivisitati in chiave light e contemporanea, oltre a specialità internazionali (e italiane). Il pubblico è eterogeo: qui si danno appuntamento i giovani baroni della finanza, ma anche gli studenti delle scuole d'arte e le modelle. Finita la cena poi, si sale al primo piano, dove c'è il club. Il luogo giusto in cui gustare ottimi cocktail preparati da bartender esperti, ascoltare un concerto o ballare musica elettronica.

  • Dove: Bol'shaya Nikitskaya Ulitsa, 12, Moscow.
News
Due nuove aperture per Riflessi a Bari e Bergamo
News
MOSTRO: appuntamento con grafica e illustrazione a Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto