Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Ph. Alessandro Paderni / Matteo Pastorio
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Alessandro Oliva
A sinistra, Massimo Orsini, CEO di Mutina; a destra la curatrice Sarah Cosulich - Credits: Mutina - Ph. Matteo Pastorio
Places

MUT, un nuovo spazio per l’arte contemporanea

MUT, dal tedesco coraggio, è il nome del nuovo spazio espositivo inaugurato a Fiorano Modenese all’interno del quartier generale di Mutina, uno dei protagonisti italiani nel campo delle superfici ceramiche. Tra gli altri, collabora con designer nostrani come Rodolfo Dordoni e autori del panorama internazionale tra cui Edward Barber e Jay Osgerby, Raw Edges e Ronan e Erwan Bouroullec.

MUT è un grande contenitore destinato ad accogliere una programmazione annuale di mostre ed eventi che accompagneranno iniziative esterne in collaborazione con istituzioni e musei internazionali. Un progetto nato come prolungamento naturale del luogo designato alla produzione e che rappresenta il terzo tassello del progetto allargato Mutina for Art. Va ad aggiungersi al premio annuale per artisti emergenti This is Not a Prize - il vincitore dell’edizione 2017 verrà annunciato il 18 ottobre al Grand Palais di Parigi in occasione di FIAC - e nel programma di produzioni artistiche Dialogue. MUT sarà un luogo deputato alla promozione e al sostegno dell’arte contemporanea dove si alterneranno percorsi monografici e tematici, presentazioni di nuove acquisizioni, lavori site-specific o creati ad hoc e prestiti.

A inaugurare la stagione di MUT è Think of this as a Window, a cura di Sarah Cosulich, con una selezione di opere dalla collezione del CEO di Mutina, Massimo Orsini, visitabile fino al 23 febbraio 2018. L’esposizione si sviluppa su tre piani e si svolge come un viaggio immaginario in tre generi fondamentali della tradizione storico artistica: il ritratto, il processo e il paesaggio. Gli artisti coinvolti sono Etel Adnan, Vincenzo Agnetti, Giorgio Andreotta Calò, Tacita Dean, Fischli / Weiss, Ceal Floyer, Francesco Gennari, Felix Gonzalez-Torres, On Kawara, Renato Leotta, Sherrie Levine, Marisa Merz, Cindy Sherman, Ettore Spalletti, Hiroshi Sugimoto, Wolfgang Tillmans, Goran Trbuljak, Franco Vimercati, Franz Erhard Walther e Cerith Wyn Evans.

News
72 ore nella natura per ridurre lo stress
News
Gio Ponti e Cantù
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Uno spazio espositivo di oltre 400 metri quadrati che va a sommarsi alle aperture di Parigi e Le Cannet
Le radici e le ali di Antonio Aricò

Le radici e le ali di Antonio Aricò

Durante la Design Week, il designer calabrese presenterà un documentario sul legame tra le sue opere e la sua terra d'origine, in una riflessione a più voci sulla contemporaneità dell'artigianato
Icon Design Talks 2019: il programma

Icon Design Talks 2019: il programma

La terza edizione del più grande appuntamento culturale della Milano Design Week. In onda dall’8 al 13 aprile presso la Fondazione Riccardo Catella
Palazzo Monti: residenza d

Palazzo Monti: residenza d'artista

Nel cuore di Brescia un'antica dimora di famiglia, risalente al XIX secolo, trasformata in residenza per artisti da tutto il mondo
Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

In occasione di MADE Expo, alla Triennale di Milano è andato in scena un talk che ha riunito sette protagonisti del settore edile per parlare delle nuove sfide che percorrono il campo della costruzione