New Lab - corridoi - Credits: New Lab
New Lab - spazio lounge - Credits: New Lab
New Lab - reception - Credits: New Lab
New Lab - meeting room - Credits: New Lab
New Lab - secondo piano - Credits: New Lab
New Lab - corridoi - Credits: New Lab
New Lab - area di entrata - Credits: New Lab
New Lab - negozio - Credits: New Lab
New Lab - Credits: New Lab
Places

Da magazzino portuale a coworking: il New Lab di Brooklyn

Guardare al futuro attraverso le lenti del passato. È quello che ha fatto lo studio newyorkese Macro Sea per trasformare in coworking un magazzino portuale di Brooklyn, il Navy Yard Building 128.

È nato così New Lab, spazio condiviso di lavoro di 7.800 mq che ospita open space, studi privati, sale meeting, negozi e aree relax per un totale di 500 lavoratori freelance e 50 aziende.

Per la progettazione del coworking, a ispirare David Belt, fondatore di Macro Sea, è stato il tecno-ottimismo degli anni 70, caratterizzato da una visione del futuro che coniugava modernismo, design e innovazione.

Niente ambienti sterili e futuristici quindi, il New Lab è un luogo che riporta al passato, o meglio, che guarda al futuro con un velo di nostalgia. Un approccio rivoluzionario nella progettazione dei coworking, generalmente improntata al minimalismo e alla digitalizzazione a tutti i costi.

Nicko Elliott, direttore creativo di Macro Sea, commenta così l'idea originaria del progetto: «Per realizzare New Lab, abbiamo rifiutato qualsiasi tipo di feticismo industriale, di “iphonizzazione” o di tecnologia 4.0. Abbiamo preferito un approccio “archeologico” al futuro, per creare spazi discreti e dignitosi, che riflettono l'ingegno e l'integrità delle persone che ci lavorano».

Gli arredi sono stati scelti nei toni neutri del bianco, del beige e del nero, in modo da dare risalto ai flash di colore “in stile Kubrick” di alcuni elementi sparsi per gli ambienti del coworking – poltrone, divani, pouff e lampade - dai toni accesi e saturi. A loro sono mischiati pezzi di design di Gaetano Pesce e Carlo Mollino. Un inno alla creatività del passato, che diventa stimolo e ispirazione per quella del futuro. 

News
La carta secondo Nendo
News
Mortarotti e Hamzehian e il nuovo documentario dei luoghi di frontiera
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Una giornata all’Ange Volant, progettata da Gio Ponti negli anni 20

Una giornata all’Ange Volant, progettata da Gio Ponti negli anni 20

È la dimora di Sophie Bouilhet-Dumas, tra i curatori della retrospettiva sull’architetto italiano in scena al Musée des Arts Décoratifs di Parigi fino al 10 febbraio
A Courmayeur, nel nuovo pop-up store di Bang & Olufsen

A Courmayeur, nel nuovo pop-up store di Bang & Olufsen

Aprirà in vista delle festività natalizie, in pieno centro storico, dal 7 dicembre al 28 febbraio 2019
Un inedito Bruno Munari in mostra a Napoli

Un inedito Bruno Munari in mostra a Napoli

Il Museo Plart porta, per la prima volta nel capoluogo partenopeo, un aspetto meno conosciuto dell’opera del grande designer italiano. Fino al prossimo 20 marzo
Quali sfide attendono le città del futuro?

Quali sfide attendono le città del futuro?

Prova a fare il punto il New York Times con il forum "Cities for Tomorrow" dove, venerdì 7 dicembre, interverrà anche l’architetto Stefano Boeri
Dicembre: le mostre di design e architettura

Dicembre: le mostre di design e architettura

Aspettando il Natale oppure approfittando del tempo libero durante le feste, ecco le mostre da non perdere questo mese. Piccoli (e grandi) appuntamenti per scoprire le nuove visioni del design