Credits: L'area living del Lago Welcome Milano Duomo #1 con divani Air e illuminazione di Fontana Arte (photo courtesy press office)
Credits: L'entrata del Lago Welcome Milano Duomo #1 (photo courtesy press office)
Credits: Il bancone e la cucina nel Lago Welcome Milano Duomo #1 (photo courtesy press office)
Credits: Travi in legno sul soffitto del bagno, Lago Welcome Milano Duomo (photo courtesy press office)
Credits: La zona notte nel Lago Welcome Milano Duomo #2 (photo courtesy press office)
Credits: Lago Welcome Milano Duomo #2 (photo courtesy press office)
Places

Nuovi bed and breakfast di Milano

giulianamatarrese

Il progetto è ambizioso, e parte dal cuore di Milano, in una viuzza suggestiva, quella di San Tomaso, poco distante dal centro, dove si trovano i due appartamenti, totalmente curati nel design da Lago. Qui il marchio di design, infatti, interpreta a modo suo il concept di albergo diffuso, partendo con due strutture, per la prima volta di proprietà della stessa azienda, che nella parte hotelleria saranno gestite dal famoso portale di affitti Airbnb.

Un'avventura intrapresa nel nome dell'"home feeling", concetto caro al marchio, quello di sentirsi in un'atmosfera casalinga, rilassata, intima, che si rivolgerà in futuro a chi vuole creare un b&b o affittare la propria casa, avvalendosi dello stile e dei canali di comunicazione di Lago. Entrambi i progetti sono guidati da un mood, un'atmosfera unica che li rende peculiari: nel caso del Lago Welcome Milano Duomo #1, è quello del Curiosity, guidato quindi dal desiderio di trasformazione, espresso nei 43 mq dell'appartamento su due livelli, attraverso moduli decorativi e regolabili, dai motivi geometrici. Nella camera da letto regna il famoso letto sospeso Fluttua, l'area living è illuminata dalla grande finestra che dà sulla suggestiva corte interna del palazzo, mentre l'illuminazione artificiale è curata da Fontana Arte.

Nel Lago Welcome Milano Duomo #2, invece, la linea guida seguita nel design è quella della Foolishness, intesa come area al limite tra fantasia e creatività. Infatti i colori accesi, i corpi illuminati di Catellani&Smith e i motivi geometrici, così come la libreria Lagolinea che regna su un intero muro della sala da pranzo, trovano qui il loro perfetto contraltare in un armadio da cucina in pesante legno con vetrate, a rievocare l'antica eleganza cara all'aristocrazia meneghina.

News
Il Bulgari Design Award all'azienda Zordan
Storytelling
I designer Simone Farresin e Andrea Trimarchi: i Formafantasma
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento